EGITTO. Prestito ed FTA con Seul

122

Seoul ha firmato un accordo per prestare all’Egitto fino a 1 miliardo di dollari per lo sviluppo delle infrastrutture, aprendo la strada alle aziende sudcoreane per unirsi a progetti di ferrovia, metropolitana e desalinizzazione marina nella nazione africana.

L’accordo è stato firmato dopo che il presidente Moon Jae-in ha tenuto colloqui al vertice con il presidente egiziano Abdel Fattah el-Sisi, riportano Nikkei e Yonhap.

L’Fta con l’Egitto è il primo patto di libero scambio della Corea del Sud con un paese africano. Il commercio bilaterale tra la Corea e l’Egitto è stato in aumento negli ultimi anni e l’anno scorso ha raggiunto i 2,3 miliardi di dollari. Gli investimenti accumulati dalla Corea del Sud in Egitto hanno raggiunto i 730 milioni di dollari alla fine dello scorso anno.

Moon e il presidente egiziano hanno anche firmato un memorandum d’intesa che prevede che Seoul fornisca all’Egitto un prestito agevolato del valore di 1 miliardo di dollari nei prossimi cinque anni. Il prestito dovrebbe finanziare progetti di costruzione e infrastrutture in Egitto, tra cui l’aggiornamento delle reti ferroviarie e la costruzione di impianti di desalinizzazione.

Inoltre, i due leader hanno concordato di espandere la portata della cooperazione esistente nello spazio, nella difesa, negli scambi culturali e tra le persone. Moon ha anche chiesto all’Egitto di sostenere l’offerta della Corea del Sud di ospitare l’Expo mondiale nella città portuale sud-orientale di Busan nel 2030.

La visita di Moon al Cairo ha segnato il primo viaggio di un presidente sudcoreano nella nazione africana in 16 anni. Moon ha poi partecipato a un forum d’affari in cui le aziende delle due nazioni hanno in programma di discutere su come rafforzare la cooperazione in auto elettriche, tecnologia dell’informazione e dei trasporti.

L’Egitto è l’ultima tappa del viaggio di Moon in Medio Oriente che lo ha portato negli Emirati Arabi Uniti e in Arabia Saudita.

Nel frattempo, Moon ha detto che la Corea del Sud e l’Egitto potrebbero godere di benefici reciproci con l’accordo di libero scambio: «L’Egitto sta espandendo le opportunità per la Corea di entrare nel mercato africano, mentre la Corea sta espandendo le opportunità per l’Egitto di entrare nel mercato asiatico», ha detto Moon.

Dirigenti di Hanwha Defense, Hyundai Rotem, Samsung Electronics, Myoungshin Industry e Doosan Heavy Industries & Construction hanno viaggiato con Moon. Hanwha è in trattative con il governo egiziano per vendere gli obici semoventi K9, dopo che la società ha raggiunto un accordo da 930 milioni di dollari il mese scorso per costruire una fabbrica in Australia. L’impianto fornirà 30 dei cannoni a Canberra.

Altri membri della delegazione commerciale sudcoreana hanno incontrato le controparti egiziane in un hotel del Cairo. Myoungshin, un produttore di veicoli elettrici, ha firmato una lettera d’intenti con la casa automobilistica egiziana Engineering Automotive Manufacturing Co, o EAMCO, per aiutarla a sviluppare un microbus elettrico.

Doosan ha firmato un memorandum d’intesa con Hassan Allam, una società di ingegneria egiziana, per cooperare su un progetto di desalinizzazione marina.

Maddalena Ingrao