Ancora film censurati in Egitto

65

EGITTO – Il Cairo 19/04/2014. Il governo egiziano ha fatto togliere dalle sale un film da poco uscito e interpretato da un’icona pop libanese, Haifa Wehbi, sostenendo che il film deve essere rivisto dalla Censura.

Il primo ministro ad interim Ibrahim Halab ha vietato tutte le proiezioni di “Halawet Ruh” per farlo rivedere dalla Censura dopo «proteste e critiche», riporta il quotidiano Bawabat al- Ahram, il 17 aprile. Il film ha causato un vero putiferio in Egitto, scatenando molte critiche nei talk show televisivi, per la presenza di scene ritenute osé. Il film è incentrato su una donna di nome Ruh, oggetto del desiderio di molti uomini che vivono in un quartiere povero in Egitto. Nella storia entra anche un giovane ragazzo di 14 anni, innamorato di Ruh che cerca di aiutarla. La prima scena si apre con il ragazzo che sogna Ruh mentre si veste o mentre si rinfresca. Il Consiglio nazionale della censura con sede al Cairo ha criticato il film, dicendo che la trama rappresenta un pericolo per i bambini e poiché contraddice le norme e le tradizioni della società egiziana. Il produttore del film, Mohammad al – Sabki, ha rifiutato di commentare il divieto ex post, dicendo che il film aveva ricevuto il via libera. Sul suo account Twitter, Wehbi ha detto di rispettare la decisione delle autorità egiziane.