EGITTO. Amnesty accusa: Il Cairo usa l’isolamento come una tortura

176

L’Egitto sta tenendo i prigionieri politici in «prolungato e indefinito isolamento» che equivale a tortura, secondo Amnesty International.

In un nuovo rapporto, Amnesty International ha dichiarato che decine di attivisti per i diritti umani, giornalisti e membri dell’opposizione detenuti in celle di isolamento subiscono “terribili abusi fisici”. Tale trattamento si traduce in «attacchi di panico, paranoia, ipersensibilità agli stimoli, e le difficoltà con la concentrazione e la memoria», ha detto. L’Egitto ha arrestato migliaia di persone, principalmente islamisti, ma anche diversi famosi attivisti laici, da quando i militari hanno rovesciato nel 2013 Mohammed Morsi, riporta Ap. 

Lo stesso Morsi sarebbe stato tenuto in isolamento per la maggior parte degli ultimi cinque anni. «Secondo il diritto internazionale, il confinamento in celle isolate può essere usato solo come misura disciplinare di ultima istanza, ma le autorità egiziane lo stanno usando come una terribile punizione extra per i prigionieri politici», ha detto Najia Bounaim, direttore delle campagne di Amnesty per il Nord Africa.

Il gruppo di tutela dei diritti umani ha dichiarato di aver documentato 36 casi di prigionieri detenuti in isolamento, di cui sei isolati dal mondo esterno dal 2013. Ha detto che i prigionieri in isolamento rimangono nelle loro celle per 22 ore al giorno. Amnesty e altri gruppi di difesa dei diritti affermano che tortura e abusi sono diffusi nelle carceri egiziane. Basandosi su decine di interviste con ex detenuti e con familiari di detenuti, il gruppo per i diritti umani ha affermato che gli abusi vanno dalle percosse prolungate alla mancanza di cibo, dall’umiliazione ai movimenti limitati per anni e anni.

I detenuti in isolamento «soffrono di depressione, insonnia e non sono disposti a socializzare o a parlare con altre persone una volta rilasciati nella popolazione carceraria», si legge nel report. La prolungata reclusione in isolamento è di solito finalizzata a ottenere confessioni e alla punizione dei detenuti che hanno protestato contro i maltrattamenti, ma alcuni sono tenuti in isolamento solo a causa del loro passato attivismo politico, ha detto Amnesty.

L’Egitto ha risposto alla relazione di Amnesty con una dichiarazione di 14 pagine, negando che l’uso di prolungato dell’isolamento sia diffusa. Tuttavia, Amnesty ha affermato che la risposta egiziana ha confermato che il controllo giudiziario e il monitoraggio dei diritti umani nelle carceri sono «inadeguati e inefficaci». In passato il ministero degli Interni egiziano ha negato le accuse di tortura sistemica, accusando che solo degli individui fossero responsabili di abusi; diversi agenti di polizia sono stati processati e condannati per tortura, mentre altri sono stati assolti.

Maddalena Ingroia