EGITTO. Al Sisi chiede aiuto alla Cina sulla GERD

68

L’Egitto sta cercando di beneficiare dell’esperienza cinese nella gestione delle risorse idriche in mezzo alle preoccupazioni per la sua quota di acqua del Nilo vista la crisi della diga Grand Ethiopian Renaissance. Il Parlamento egiziano ha invitato le istituzioni statali a cooperare con la Cina su progetti volti a sviluppare e conservare le risorse idriche, come gli impianti di desalinizzazione e il riciclaggio delle acque reflue da utilizzare in agricoltura.

L’Egitto sta lavorando per creare un piano per gestire il consumo di acqua e le risorse per la presentazione dopo il riempimento della seconda fase della diga, se l’Etiopia esegue il suo piano. L’assistenza della Cina nel piano di gestione dell’acqua si spera di rassicurare la strada egiziana che Cairo uscirà dall’altro lato della crisi.

Ahmed al-Awadi, sottosegretario del comitato parlamentare egiziano per la difesa e la sicurezza nazionale, riporta Al Monitor, aveva detto il 18 maggio: «La Cina ha esperienza nei progetti di gestione delle risorse idriche e condividerà la sua esperienza con l’Egitto alla luce della crisi della GERD». Awadi ha dichiarato che la cooperazione egiziano-cinese non è ostacolata dalla partecipazione delle imprese cinesi al progetto Gerd: due aziende cinesi, infatti, stanno lavorando al completamento della costruzione del progetto della centrale elettrica Gerd in Etiopia.

La Cina intende mantenere a buon livello le sue relazioni con i tre paesi coinvolti nella controversia della diga etiopica.

L’Egitto e il Sudan hanno cercato di convincere la Cina a mediare nella crisi della Gerd. Il ministro degli Esteri egiziano Mariam Al-Sadiq ha proposto alla sua controparte cinese Wang Yi il 9 maggio che la Cina facesse pressione sull’Etiopia per raggiungere un accordo vincolante sul riempimento e il funzionamento della Gerd.

Nell’ottobre 2019, il ministero degli Esteri egiziano ha organizzato un incontro con l’ambasciatore cinese per trasmettere l’insoddisfazione dell’Egitto per la continuazione dei lavori delle società cinesi nel Gerd nonostante la mancanza di studi sui suoi effetti economici, sociali e ambientali.

Gli sforzi di Egitto e Sudan non hanno avuto successo. Anche se la Cina si è astenuta dal fare pressioni sull’Etiopia, ha accettato di cooperare con l’Egitto su progetti di desalinizzazione, la conservazione delle risorse idriche e l’agricoltura efficiente dal punto di vista idrico.

Nel novembre 2019, il ministro egiziano delle risorse idriche e dell’irrigazione Mohamed Abdel Ati ha incontrato il vice ministro cinese delle risorse idriche Ye Jianchun per discutere l’espansione della cooperazione bilaterale sulle questioni idriche. Ati ha affermato il desiderio del suo paese di cooperare nei campi in cui la Cina ha una vasta esperienza, in particolare la desalinizzazione dell’acqua e l’agricoltura salina.

Nel dicembre 2018, il ministero dell’Agricoltura egiziano ha collaborato con l’Accademia delle Scienze cinese per sviluppare la tecnologia agricola, i metodi di agricoltura salina che utilizzano l’acqua salina per l’irrigazione, la coltivazione di terreni salini e l’ottimizzazione dell’irrigazione.

Durante la sua visita in Cina nel 2019, il vice ministro egiziano dell’agricoltura Mona Mehrez ha annunciato un piano di cooperazione tra Egitto e Cina sull’irrigazione e la gestione dell’acqua attraverso il telerilevamento, nonché la coltivazione del riso con acqua salata. Sempre nel 2019, una delegazione dell’Accademia cinese delle scienze ha discusso con il Centro egiziano di ricerca sul deserto un possibile centro di desertificazione egiziano-cinese per affrontare la crisi idrica.

Anna Lotti