Ecuador, sminamento fino al 2017

31

ECUADOR – Quito. 14/06/13. L’Ecuador mira a distruggere entro il 2017 circa 15.595 mine situate in un’area di 466.872 metri quadrati nelle province amazzoniche di Zamora Chinchipe, Morona Santiago e Pastaza, al confine con il Perù.


Secondo le informazioni fornite dalle Forze Armate, per valutare lo stato di avanzamento di questo processo, svolto per 12 anni sul confine meridionale, il ministro della Difesa, Maria Fernanda Espinosa, si recherà in visita domani a Tiwinza Gualaquiza, e Patuca presso i battaglioni.

Il tenente colonnello Patricio Hidalgo, Comandante di sminamento e il Ministro Espinosa visiteranno anche le zone in cui hanno luogo tali operazioni nella zona di Cusumaza-Bomboiza, provincia di Morona Santiago.

Fonti militari hanno aggiunto che due province confinanti con il Perù sono già libere da mine: El Oro e Loja, che sono state consegnate alle autorità locali, nei giorni scorsi, come free mine.

Le mine sono state collocate nelle province di confine tra Perù ed Ecuador nel 1995, dopo un conflitto armato scatenato dal controllo delle frontiere nella Cordillera del Condor, le zone minate erano 26.

Il processo di sminamento in Ecuador è iniziato nel 1998 alla fine del conflitto tra i due paesi, dal 2000 al 2012 è stata autorizzato lo sminamento di una superficie di 248 573, 84 metri quadrati.