Entity List: aziende russe nel mirino USA

89

STATI UNITI – Washington. 18/06/14. Il Bureau of Industry and Security, del Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha allungato di 5 la lista degli importatori “non verificati” di prodotti americani (non verification List, serie UVL). Ovvero ha implementato l’elenco delle aziende su cui nutrono dubbi di sicurezza in materia di acquisto e vendita di attrezzature sensibili e tecnologie fuori dai confini USA. Ora le cinque aziende saranno sottoposte a maggiori controlli e in alcuni casi sarà vietata la vendita di tecnologia USA a queste società. Fonte RBC

Gli americani spiegano la loro decisione dicendo che non hanno alcuna garanzia che queste aziende non passino tecnologia statunitense agli utenti con le restrizioni finali – quelli della cosiddetta Entity List, o l’elenco dei destinatari di paesi sottoposti a sanzioni: Cuba, Corea del Nord, Iran, Sudan, Siria.
Nella lista sono finiti: JSC “Voentelekom”, che fornisce le apparecchiature di rete al Ministero della Difesa; all’Istituto di Radio Engineering and Electronics, dell’Accademia Russa delle Scienze; SKB IRE, un produttore di apparecchiature di processo sotto vuoto, apparecchiature per le comunicazioni, strumenti per la ricerca spaziale; LLC “Nuklin” fornitore di materiale ingegneristico per l’energia e apparecchiature elettriche; LLC “Pompe Ampika”; e ancora la Security Business Academy, S2BA, che, tra l’altro, fornisce servizi per i test della macchina della verità. L’organizzazione utilizza poligrafi importati, ha detto sul suo sito web. Questa apparecchiatura è soggetta a regime di controllo delle esportazioni degli Stati Uniti, e la sua consegna richiede una licenza di esportazione.
L’avvocato statunitense delle aziende Bryan Cave e l’esperto di sanzioni Clif Burns, ha detto che le conseguenze della quotazione UVL per le aziende saranno piuttosto gravi.
Gli esportatori statunitensi che forniscono i prodotti dalla lista delle società sono tenuti a depositare gli atti specifici (AES archiviazione) per tutte le spedizioni, indipendentemente dalle loro dimensioni. Tutte le aziende di consegna da un elenco UVL ora richiedono licenze da parte del Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti, compresa la fornitura di parti di ricambio, alcuni componenti dei dispositivi digitali e di prodotti con funzionalità di crittografia.
A sua volta, la società dall’elenco di UVL, per continuare a ricevere merci statunitensi oggetto di controllo delle esportazioni, dovrà presentare una documentazione dettagliata sull’utilizzo finale dei rispettivi prodotti. È molto probabile che le autorizzazioni per l’esportazione di merci da aziende UVL saranno negati, dice Burns. L’aggiunta di cinque società russe alla lista degli importatori “non testati” non è direttamente correlata alle attuali sanzioni contro la Russia imposti in relazione al conflitto ucraino. Ciò non significa che le imprese sono colpevoli di eventuali violazioni.
Oltre alle società russe nella lista UVL è finita un’azienda cinese, quattro degli Emirati Arabi e 20 società quotate a Hong Kong (29 organizzazioni).
Nel mese di aprile, il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha fatto un elenco distinto di aziende (Entity List) 13 strutture controllate da Gennady Timchenko, i fratelli Rotenberg e la banca “Russia”. In relazione a tali organizzazioni è stato introdotto il regime di massimo e rigoroso controllo alle esportazioni.
Il dipartimento del Commercio degli Stati Uniti può effettivamente vietare l’esportazione, riesportazione, o il trasferimento all’interno dello stesso paese l’elenco dei prodotti inseriti nell’Entity list. In particolare, le apparecchiature per la lavorazione e gestione del petrolio e gas e dei suoi componenti, aeromobili e sue parti, circuiti integrati, macchine utensili a controllo numerico, laser, software di crittografia. Il sistema di controllo delle esportazioni degli Stati Uniti si applica in maniera extraterritoriale, cioè, la legge statunitense vieta anche le aziende russe il trasferimento di merci di origine statunitense alle imprese regolate dalla lista di Entity List sul territorio della Russia.