ECONOMIA. Golden Week cinese ha colmato il buco del Covid 19

29

Le entrate del turismo durante i cinque giorni di vacanza della Golden Week cinese hanno recuperato dal crollo indotto dalla COVID dell’anno scorso, ma non sono riuscite a tornare al livello del 2019. I turisti hanno speso 113,23 miliardi di yuan durante la pausa che si è conclusa mercoledì, secondo il ministero della Cultura e del Turismo, superiore ai 47,6 miliardi di yuan dello scorso anno, ma inferiore ai 117,7 miliardi di yuan del 2019, riporta Nikkei.

Circa 230 milioni di viaggi turistici interni sono stati registrati durante il periodo, a corto dei 250 milioni previsti dalle autorità ma quasi il doppio dei 117,7 milioni di viaggi di due anni fa. Il benchmark Shanghai Composite Index ha aperto piatto e chiuso lo 0,16% più basso giovedì, trascinato verso il basso dai titoli legati al turismo e alla medicina, la cui debolezza è «attribuibile ai prezzi relativamente morbidi dei prodotti di viaggio e a un potenziale spostamento verso il turismo a breve distanza».

I fornitori di servizi di viaggio online hanno visto un’impennata delle prenotazioni di hotel nelle principali destinazioni come Pechino, Shanghai, Guangzhou e Chengdu. Un hotel a cinque stelle a Shenzhen ha registrato un tasso di occupazione del 99% per tre giorni consecutivi fino al 2 maggio, ma le sue entrate medie erano circa due terzi di quelle del 2019.

I cinema cinesi hanno preso un record di 1,67 miliardi di yuan durante le vacanze – quasi il 10% in più rispetto al 2019, secondo l’app di box office tracker Lighthouse. Il prezzo medio del biglietto di 37,8 yuan è stato inferiore del 13%.

Anche così, gli analisti hanno detto che il forte rimbalzo delle attività turistiche riflette la fiducia dei consumatori, poiché più persone nel paese sono stato vaccinate.

«La condizione del Covid-19 stabilizzata del paese è stata favorevole alla ripresa della spesa facoltativa dei consumatori, rappresentata dai settori dell’hotel, della ristorazione e del turismo (…) Il recupero dei consumi rafforzerebbe lo slancio della crescita, mentre la proprietà e il commercio rimangono resilienti in mezzo alla politica di stabilità in vista della celebrazione del centenario del Partito Comunista Cinese a luglio» riporta l’agenzia nipponica.

Lucia Giannini