BCM interviene per sostenere il rublo

60

RUSSIA – Mosca. 09/10/14. La domanda eccessiva di valuta estera a Mosca ha obbligato la Banca centrale russa a sostenere il rublo. Oggi l’Istituto ha dato notizia di aver venduto dall’inizio di ottobre l’importo di 1,1 miliardi di dollari.

Per un totale di 4,4 miliardi dollari di supporto da marzo ad oggi. Secondo la BCR il supporto al rublo non è finito. Si dovrà intervenire ancora nel corso dell’anno. La causa principale dell’indebolimento della moneta locale secondo gli analisti è dovuto al rimborso prestiti in valuta straniera da parte delle società russe. «Molto probabilmente, l’attuale domanda nel mercato dei cambi è legata in misura maggiore con la preparazione della società ai pagamenti dei prestiti, sono infatti, in scadenza le rate» ha detto il capo del centro dealing Metallinvestbank Sergey Romanchuk a rbc.ru. E ha aggiunto: «La domanda speculativa e la domanda da parte della popolazione è improbabile che siano significativi».
Secondo il capo economista per la Russia e la CSI, “Renaissance Capital” Oleg Kuzmin, la società non vende la liquidità in dollari o se la vende lo fa a caro prezzo. Il fatto che vi sono i prestiti esteri in valuta estera da rimborsare a cadenza fissa la prossima sarà a dicembre, i mutuatari russi dovranno rimborsare 35 miliardi dollari in prestiti esteri (in ottobre e novembre –  l’importo è di circa 10 miliardi).
Dopo una lunga pausa, la Banca Centrale è entrata nel mercato valutario con interventi a ottobre. La banca centrale era intervenuta anche nel mese di marzo quando è iniziata la crisi Ucraina. Poi un giorno la Banca centrale ha venduto più di 11 miliardi dollari, ma solo nel mese di marzo, la Banca centrale ha venduto 25 miliardi di dollari.
Secondo Romanchuk, l’acquisto da parte della Banca Centrale della domanda repressa di valuta estera è approssimativamente stimato dai commercianti in quantità da 5 a 10 miliardi di dollari. «Ma questo è un numero molto approssimativo, e si dovrebbe tener conto anche del reddito che viene prodotto esportatori: la bilancia commerciale rimane positiva, così come una componente molto volatile fuga di capitali, a seconda della politica» ha detto Romanchuk.
Secondo l’Agenzia Bloomberg che cita gli analisti la Banca Centrale dovrà spendere circa 30 miliardi entro la fine dell’anno, per rallentare la caduta del rublo. Secondo Kuzmin, tra i fattori che danneggiano la “stabilità del rublo” il calo dei prezzi del petrolio. Mercoledì 8 ottobre, il costo del petrolio a barile è sceso a 91 e ha innescato un forte indebolimento del rublo. Nel corso della negoziazione alla borsa di Mosca un dollaro valeva 40 rubli, il valore dell’euro per la prima volta marzo 2014  è salito al di sopra del livello di 51 rubli, e il valore del paniere di valute per la prima volta nella storia ha raggiunto il segno di 45 rubli.