ISIS, ora tocca alle donne martiri

45

STATI UNITI – Philadelphia. 05/04/15. Il Dipartimento di Giustizia ha detto che le autorità statunitensi hanno arrestato una donna di Philadelphia, venerdì scorso con l’accusa di cercare di aderire all’organizzazione, “Daash”.

Il ministero ha detto che il Cuna Mutual Thomas, 30 anni, conosciuta anche come la  “ragazza del Califfato”, è accusata di aver tentato di fornire “supporto materiale e risorse” all’organizzazione, compreso l’auto arruolamento nel ruolo di combattente. Secondo i pubblici ministeri, la Thomas nei suoi dialoghi con i combattenti di “Daash” in Siria, che le chiedevano se volesse partecipare a quello che è stata descritta come una operazione di martirio lei ha risposto dicendo: «Sarebbe fantastico … Questo è tutto quello che desidero per una ragazza». Il tweed che la incrimina è stato allegato alla sua richiesta di incarcerazione, la donna avrebbe detto via sociale che desiderava recarsi in Siria, «Io non voglio attirare l’attenzione degli infedeli». Thomas inoltre ha ottenuto un visto d’ingresso elettronico per la Turchia, che è il luogo da cui gli europei passano per andare in Siria e unirsi al “allo Stato Islamico”. Thomas rischia 15 anni di carcere se condannata con il massimo della mena.