DOMINO EVERGRANDE. S&P prevede il fallimento del gruppo

167

Per l’agenzia di rating S&P Global Ratings è ancora “altamente probabile” che il China Evergrande Group sia inadempiente a marzo e aprile del prossimo anno quando scadranno circa 3,5 miliardi di dollari in obbligazioni.

«Crediamo ancora che un default di Evergrande sia altamente probabile», si legge in un rapporto uscito il 18 novembre «L’azienda ha perso la capacità di vendere nuove case, il che significa che il suo principale modello di business è effettivamente defunto. Questo rende improbabile il pieno rimborso dei suoi debiti», riporta AF. L’ultimo avvertimento di S&P è arrivato mentre lo sviluppatore continuava a vendere la sua partecipazione in HengTen Networks Group, quotata a Hong Kong, per 273 milioni di dollari.

HengTen, una filiale interamente controllata da Evergrande, è un gruppo diversificato con interessi che vanno dal leasing immobiliare ai servizi internet comunitari e allo streaming video.

L’acquirente è Allied Resources, che ha sede a Hong Kong. Le azioni di HengTen sono salite di quasi il 20% nel trading del 18 novembre. Il crollo di Evergrande è continuato, con le sue azioni che hanno perso il 3% giovedì e circa l’80% nell’anno in corso mentre le azioni di Allied sono rimaste piatte.

Evergrande ha detto che prevede di liberare contanti per il capitale circolante generale; Evergrande e Tencent hanno acquistato HengTen nel 2015. In molti casi, Evergrande sta vendendo attività in perdita, come un’unità di motori elettrici per 14,6 milioni di yuan, un business per cui aveva speso 500 milioni di yuan nell’acquisto.

Mentre lo sviluppatore si sforza di soddisfare i suoi debitori, il suo fondatore sta liberando fondi da beni di lusso personali e non secondo fonti riservate di AF. Le autorità cinesi il mese scorso hanno detto al presidente di Evergrande Hui Ka Yan, 63 anni, di usare parte del suo patrimonio personale per aiutare a pagare gli obbligazionisti.

I problemi di Evergrande nel soddisfare i rimborsi delle obbligazioni hanno scosso i mercati e lasciato molti dei suoi investitori, creditori e fornitori nel caos finanziario.

In una notizia correlata, Country Garden Services, l’unità di gestione della proprietà del top developer cinese Country Garden, sta vendendo 150 milioni di nuove azioni a 6,85 dollari ciascuna il 18 novembre per raccogliere 1,03 miliardi, secondo Reuters. Il numero di azioni rappresenta il 4,5% delle azioni allargate e il prezzo di vendita rappresenta uno sconto del 9,5% sull’ultimo prezzo scambiato il 17 novembre; mentre il titolo è stato sospeso dalle contrattazioni proprie il 18 novembre.

Antonio Albanese