DOMINO EVERGRANDE. Sono al collasso le immobiliari minori

543

Si allarga la crisi profonda del mercato immobiliare del Celeste Impero. Le azioni dello sviluppatore cinese Modern Land sono crollate di quasi il 40% ai minimi storici alla ripresa degli scambi il 10 gennaio, dopo aver detto che è stato in trattative con gli obbligazionisti su un piano di ristrutturazione per i suoi 1,3 miliardi di dollari di obbligazioni offshore.

Modern Land ha detto di aver ricevuto avvisi da alcuni titolari di note che richiedono il rimborso anticipato delle loro note senior, dopo che l’azienda ha mancato il pagamento per le sue note del 12,85% dovute il 25 ottobre 2021. Le azioni, che sono state sospese dal 21 ottobre, sono affondate quasi il 40% nelle ore di apertura in Asia a 0,23 HK$, un minimo storico.

Lo sviluppatore ha detto che è stato nella discussione con questi creditori per una rinuncia ed ha nominato i consulenti finanziari per formulare un programma generale per le azioni fattibili di rimedio. Il gruppo Shimao, anch’esso a corto di liquidità, ha messo in vendita tutti i suoi progetti, mentre gli sviluppatori immobiliari cinesi affrontano la crescente pressione a negoziare con i creditori per alleviare la stretta di liquidità nel settore, che minaccia di spingere più imprese al default, riporta AF.

Nel frattempo, China Evergrande, lo sviluppatore più indebitato al mondo, sta cercando una dilazione di sei mesi nel rimborso e nei pagamenti delle cedole di un’obbligazione da 4,5 miliardi di yuan, pari a 157 milioni di dollari, in un incontro con gli obbligazionisti.

Il gigante immobiliare – che sta lottando per ripagare più di 300 miliardi di dollari di passività, tra cui quasi 20 miliardi di dollari di obbligazioni offshore ritenute in cross-default dalle agenzie di rating – ha lasciato la sua sede nella città di Shenzhen e si è trasferito nella vicina Guangzhou, secondo il giornale locale cinese The Paper.

I responsabili della politica economica cinese progettano di rendere più facile per gli sviluppatori sostenuti dallo stato di acquistare beni in difficoltà dei loro pari privati carichi di debiti, nel tentativo di evitare una crisi di liquidità nel settore.

Ma il più piccolo Shimao Group Holdings si è mosso per accelerare le cessioni di beni mettendo in vendita tutti i suoi progetti immobiliari, sia le proprietà residenziali che commerciali, riportava Caixin lo scorso fine settimana. Shimao, che non ha rispettato un prestito fiduciario la scorsa settimana, ha chiesto agli agenti dalla fine di dicembre di cercare acquirenti per le sue proprietà. Questa notizia ha sollevato le azioni del gruppo di oltre il 19% a Hong Kong il 10 gennaio.

Il gruppo Shimao è in gran parte concentrato sullo sviluppo immobiliare residenziale, con Shanghai Shimao Construction che è la sua principale piattaforma commerciale in Cina, e Shanghai Shimao Co Ltd che sviluppa principalmente proprietà commerciali. Si stima che Shimao abbia circa 23-25 miliardi di yuan in obbligazioni societarie, ABS e prestiti fiduciari in scadenza nel 2022, notando che ha solo 16,1 miliardi di yuan in contanti.

Graziella Giangiulio