DOMINO EVERGRANDE. Riaprono i cantieri e si apre la crisi bancaria cinese

104

I lavori di costruzione di diversi progetti immobiliari residenziali cinesi incompiuti sono ripresi con il sostegno del governo locale, ma non è chiaro quando gli appartamenti saranno consegnati agli acquirenti e se la riapertura dei cantieri sia un punto di svolta per la crisi del settore.

Il 16 luglio il Financial News, organo di informazione della Banca Popolare Cinese (PBoC), ha riferito che grandi società immobiliari, tra cui Evergrande Group, Greenland Holdings e China Aoyuan Group, hanno recentemente riavviato progetti immobiliari incompiuti nel Jiangxi, Henan e Hubei.

Il 17 luglio China Banking and Insurance News, house organ della China Banking and Insurance Regulatory Commission, Cbirc, riportava che avrebbe incoraggiato i nuovi immigrati e i giovani residenti nelle aree urbane ad acquistare case per mantenere l’ordine nei mercati immobiliari. La Commissione ha dichiarato che le banche dovrebbero prendere l’iniziativa di aiutare a risolvere le esigenze finanziarie dei costruttori immobiliari.

Tuttavia, riporta AT, alcuni siti web di media cinesi hanno affermato che la ripresa dei lavori di costruzione avrebbe avuto senso solo se gli sviluppatori avessero fissato e rispettato le scadenze per il completamento. Lo scorso ottobre Evergrande aveva annunciato la ripresa dei lavori di costruzione di molti dei suoi progetti, ma in realtà solo pochi operai sono stati impiegati in ciascuno dei siti.

I fornitori e gli appaltatori non sono disposti a fornire servizi agli sviluppatori immobiliari fortemente indebitati se non vengono pagati su base mensile; i media cinesi hanno riportato che gli acquirenti di almeno 150 progetti immobiliari incompiuti hanno interrotto i pagamenti dei mutui perché gli sviluppatori non hanno consegnato gli appartamenti.

La stretta del 2020 sulla concessione dei prestiti, la crisi delle vendite hanno posto in serio rischio il settore immobiliare cinese e le banche che vi avevano investito.

Sempre il Financial News nei giorni scorsi ha affermato che è molto importante riprendere la costruzione dei progetti immobiliari incompiuti: «Grazie agli sforzi congiunti degli sviluppatori immobiliari e dei dipartimenti governativi, alcuni dei progetti residenziali precedentemente fermati hanno ripreso i lavori di costruzione, mentre altri hanno annunciato l’intenzione di riprendere i lavori», si legge.

Il 17 luglio la Cbirc ha dichiarato che avrebbe collaborato con la Banca centrale cinese e il ministero dell’Edilizia abitativa e dello sviluppo urbano-rurale, nonché con i governi locali, per garantire che gli sviluppatori immobiliari portino a termine i loro progetti e consegnino gli appartamenti agli acquirenti di case.

L’autorità di regolamentazione bancaria ha dichiarato che le banche cinesi devono adempiere ai loro doveri seguendo le regole del mercato e rispettando i requisiti legali, assumendosi al contempo la responsabilità sociale di contribuire a garantire la consegna degli appartamenti. Le banche devono aumentare la comunicazione con i clienti, soddisfare le loro diverse esigenze e tutelare i loro diritti legali.

La Cbirc ha inoltre affermato che le banche dovrebbero soddisfare efficacemente le richieste di raccolta fondi degli sviluppatori immobiliari e sostenere i loro piani di fusione e acquisizione.

Secondo alcuni media cinesi, la strada per la ripresa dei lavori di costruzione da parte della maggior parte dei promotori immobiliari è pieno di ostacoli.

China Newsweek, rivista gestita dallo statale China News Service, ha affermato che molti sviluppatori immobiliari, tra cui Evergrande e Green Group, hanno affrontato una crescente pressione per effettuare i pagamenti del debito quest’anno, ma è stato molto difficile per loro raccogliere fondi sui mercati dei capitali o incrementare le vendite di immobili in un mercato moribondo. Ad esempio Evergrande aveva promesso di riprendere la costruzione dei suoi progetti lo scorso ottobre, ma alla fine di marzo di quest’anno solo il 55% di essi era tornato a un ritmo di costruzione normale, mentre il 40% era stato parzialmente ripreso.

Tommaso Dal Passo