DOMINO EVERGRANDE. Primi sequestri giudiziari dei beni di China Evergrande Group

274

Un tribunale cinese ha ordinato il congelamento di 640,4 milioni di yuan, pari a 101 milioni di dollari, in beni detenuti da una filiale di China Evergrande Group, secondo un deposito di appaltatore Shanghai Construction Group. La Shanghai Construction, di proprietà statale, che ha fatto causa all’unità Evergrande nella città sud-occidentale di Chengdu a dicembre 2021 per le tasse di costruzione in ritardo, ha citato la sentenza della Corte popolare intermedia di Guangzhou secondo cui i beni da congelare includeranno depositi bancari e proprietà immobiliari.

Separatamente, riporta AF, Shanghai Construction Group ha detto la scorsa settimana che un tribunale locale di Guangzhou ha congelato 361,5 milioni di yuan di beni di una diversa unità di Evergrande nella provincia centrale di Jiangsu per pagamenti in ritardo.

Molti fornitori e appaltatori hanno lanciato azioni legali contro Evergrande, lo sviluppatore immobiliare più indebitato del mondo con oltre 300 miliardi di dollari di debiti, per pagamenti mancati o in ritardo. Un numero crescente di aziende di costruzione e decorazione stanno anche cancellando attività o emettendo avvertimenti sui profitti, dato che i problemi di debito di Evergrande e di altri promotori immobiliari debilitano i loro fornitori.

Per meglio supervisionare e gestire la ristrutturazione del debito di Evergrande da parte delle autorità, tutte le cause contro lo sviluppatore in tutto il paese sono state gestite centralmente dalla Corte popolare intermedia di Guangzhou da circa agosto scorso.

Il presidente della società Hui Ka Yan ha detto ad una riunione interna all’inizio di questo mese che l’azienda mirava a ripristinare completamente i lavori di costruzione in tutta la Cina a febbraio, rispetto al 93,2% alla fine dello scorso anno, con l’obiettivo di consegnare 600.000 appartamenti nel 2022.

Ha aggiunto che l’azienda ha bisogno di cancellare il suo debito ripristinando completamente le attività di costruzione e di vendita e non vendendo beni a buon mercato.

Graziella Giangiulio