DOMINO EVERGRANDE. Piano del governo per ripagare il debito offshore

325

Evergrande Group ha detto il 21 gennaio che stava assumendo più consulenti finanziari e legali per aiutarlo con le richieste dei creditori, dopo che un gruppo di obbligazionisti ha minacciato di intraprendere azioni legali se lo sviluppatore non si sbrigasse a risolvere il default.

Evergrande è la società immobiliare più indebitata del mondo, con più di 300 miliardi di dollari di passività totali, che includono quasi 20 miliardi di dollari di obbligazioni internazionali, tutte ritenute inadempienti dopo una serie di mancati pagamenti alla fine dello scorso anno.

La sua situazione finanziaria ha scosso altri sviluppatori immobiliari cinesi nel corso dell’ultimo anno e ha esacerbato una stretta di finanziamenti nel settore. In un segno positivo, lo sviluppatore rivale Country Garden ha sorpreso il mercato venerdì con una nuova emissione di 3,9 miliardi di dollari di Hong Kong, pari a 500 milioni di dollari Usa, in obbligazioni convertibili, dopo un tentativo simile fallito la scorsa settimana, riporta AF.

Country Garden, il principale sviluppatore immobiliare cinese per vendite, ha detto che avrebbe emesso le obbligazioni per rifinanziare il debito che diventerà esigibile entro un anno. Le obbligazioni dovute luglio 2026 hanno un interesse del 4,95% e hanno un prezzo di conversione iniziale di 8,10 dollari di Hong Kong per azione; a piena conversione, le azioni rappresenterebbero il 2% del capitale allargato.

Evergrande ha annunciato che stava proponendo di coinvolgere China International Capital Corporation e Boci Asia come consulenti finanziari e lo studio legale Zhong Lun come consulente legale. La mossa è arrivata un giorno dopo che un gruppo di creditori offshore, rappresentato dallo studio legale Kirkland & Ellis e dalla banca d’investimento Moelis, ha detto di essere pronto a prendere “tutte le azioni necessarie” per difendere i diritti dei membri dopo una mancanza di impegno da parte della società al centro della crisi immobiliare cinese.

Il gruppo di creditori ha detto in una dichiarazione del 20 gennaio che Evergrande ha ignorato i suoi creditori offshore e i diritti legali dei suoi creditori, e ha dovuto “considerare seriamente” un’azione di esecuzione.

Le azioni di Evergrande sono cadute più del 3% in Asia il 21 gennaio. La sua obbligazione in dollari dell’aprile 2023 è stata scambiata a 12,551 centesimi di dollaro, rimbalzando dopo la notizia.

Nel frattempo il governo provinciale che guida la ristrutturazione del gruppo cinese Evergrande vuole separare i beni offshore dell’azienda e venderli per pagare il debito estero, riporta Reuters, dando fiato alle speranze dei finanziatori stranieri di recuperare i fondi.

Il governo provinciale nel Guangdong, dove Evergrande ha il suo quartiere generale, ha messo a punto un piano di ristrutturazione del debito quadro entro marzo che potrebbe anche cancellare il 60% di partecipazione del presidente del gruppo.

Il governo provinciale stava proponendo che gli investitori guidati dallo stato dovrebbero acquistare beni Evergrande e che i proventi dalla vendita di beni stranieri dovrebbero essere utilizzati per pagare il debito estero.

Il governo del Guangdong ha finalizzato il documento quadro e lo ha presentato al governo centrale per le discussioni alla fine di questa settimana, aggiungendo una proposta di ristrutturazione dettagliata sarebbe stata rilasciata entro ottobre.

Graziella Giangiulio