DOMINO EVERGRANDE. Interviene BoC, ma Evergrande sempre sul baratro

112

Solo tre mesi dopo aver evitato per un pelo il collasso, il gruppo cinese Evergrande è di nuovo sull’orlo del baratro e gli investitori non hanno ancora capito quanto e per quanto tempo i problemi potrebbero riverberarsi. Con oltre 300 miliardi di dollari di passività e più di 1.300 progetti immobiliari, Evergrande è stata l’origine di una crisi immobiliare in Cina quest’anno che ha già fatto crollare quasi una dozzina di sviluppatori più piccoli.

Evergrande potrebbe ancora pagare  in ritardo 82,5 milioni di dollari che hanno raggiunto la fine del suo periodo di grazia, ma ha avvertito che potrebbe non farlo, riporta Asia Times. In un momento di rallentamento delle vendite immobiliari in Cina, un default disordinato di Evergrande potrebbe accelerare lo stress finanziario in tutto il settore immobiliare. Qualsiasi soluzione deve rendere conto di miliardi di yuan dovuti ad appaltatori e fornitori. C’è poca chiarezza sulle potenziali fonti di un finanziamento risolutivo, anche se c’è più fiducia che le autorità risponderanno per limitare il contagio finanziario.

A differenza di un paio di mesi fa, la caduta di Evergrande sarebbe ampiamente contenuta all’interno della Cina e con i politici di Pechino che vogliono intervenire, le conseguenze dei problemi di Evergrande saranno meno sentite, riporta AT. 

Alla finem, Evergrande sarà probabilmente inadempiente, ma la dichiarazione della banca centrale di venerdì scorso, e altre dichiarazioni ufficiali simili, definiscono Evergrande un problema puntuale e non sistemico e per cui le funzioni di finanziamento a lungo termine non ne soffriranno. Un default di Evergrande assomiglierebbe di più al caso di Hna Group, il cui piano di ristrutturazione è stato approvato dai creditori in ottobre.

La Banca centrale cinese ha pompato 1,2 trilioni di yuan, circa 188 miliardi di dollari, nel sistema bancario, la sua seconda mossa da luglio, e il governo regionale dove Evergrande ha sede, ha detto che ora sta intervenendo. All’interno della Cina, ci si domanda se questo possa prevenire un ulteriore contagio.

Da ottobre, un gruppo di piccoli rivali di Evergrande sono falliti o ristrutturati. Kaisa, il primo default immobiliare della Cina nel 2015,  che ha più di 3 miliardi di dollari di debito da rifinanziare l’anno prossimo, è anche in grave difficoltà.

È positivo che i governi provinciali vogliano essere coinvolti in casi come quello di Evergrande, ma nessuna delle società immobiliari statali ha preso parte ai progetti dell’azienda per alleviare la sua crisi di liquidità.

Nel frattempo, il danno all’interno del paese continua: le obbligazioni cinesi immobiliari hanno subito il loro peggiore anno quest’anno, perdendo più di un terzo del loro valore in media, mentre Evergrande, Kaisa e gli inadempienti come Fantasia sono giù almeno dell’80%. JPMorgan conta già un totale di 11 inadempienze quest’anno e con le vendite di terreni in calo di oltre il 55% su base annua, e le stesse vendite di alloggi in calo del 25% in ottobre, ci si aspetta di più.