DOMINO EVERGRANDE. Evergrande e Kaisa svendono a Hong Kong

806

Il presidente del China Evergrande Group Hui Ka Yan, alias Xu Jiayin, ha venduto 1,2 miliardi di azioni della società ad un prezzo medio di 2,23 dollari di Hong Kong l’una il 25 novembre, come hanno mostrato i documenti della Borsa di Hong Kong, ripresi da AF. La vendita di azioni, che vale un totale di 344 milioni di dollari Usa, abbassa la partecipazione di Hui nella società immobiliare di Shenzhen al 67,9% dal 77%.

Evergrande ha mancato una scadenza di debito all’altra, ed è alle prese con più di 300 miliardi di dollari di debiti, e le autorità cinesi hanno detto a Hui, 63 anni, di usare parte del suo patrimonio personale per aiutare a pagare gli obbligazionisti. Hui, che ha fondato il conglomerato immobiliare, si è affrettato a liberare fondi vendendo beni di lusso.

Evergrande non è riuscita a pagare cedole per un totale di 82,5 milioni di dollari dovuti il 6 novembre e gli investitori sono in attesa di vedere se può soddisfare i suoi obblighi prima che un periodo di grazia di 30 giorni finisca il 6 dicembre.

Sviluppatori come China Evergrande Group e Kaisa Group Holdings hanno venduto alcuni beni negli ultimi mesi agli sviluppatori di Hong Kong per aiutare ad alleviare lo stress della liquidità in patria. Aoyuan Group, che questa settimana ha esteso la data di riscatto dei titoli garantiti da attività onshore, sta cercando di scaricare altre proprietà di Hong Kong per raccogliere capitale.

Una volta gli sviluppatori cinesi si erano mossi aggressivamente a Hong Kong, superando i loro rivali locali per i siti principali della città, mentre cercavano opportunità di investimento al di fuori della terraferma.

Ma ora gli stessi sviluppatori stanno affrontando una crisi di liquidità senza precedenti a causa delle restrizioni normative mentre Pechino cerca di ridurre la leva finanziaria nel settore, causando la perdita di alcuni pagamenti di obbligazioni e prodotti di gestione patrimoniale.

Alcuni costruttori hanno fatto ricorso alla vendita dei loro beni per soddisfare gli obblighi di rimborso a breve termine.

Kaisa, che ha mancato i pagamenti delle cedole per un totale di 88,4 milioni di dollari dovuti all’inizio di questo mese, ha venduto; Evergrande, che è alle prese con più di 300 miliardi di dollari di debiti, ha venduto; entrambe hanno svenduto più che altro.

Nell’ultima asta di terreni residenziali di Hong Kong ad ottobre, la statale China Overseas Land è stata l’unica società cinese tra i 16 offerenti, anche se non ha vinto.

Graziella Giangiulio