Talenti cercasi per Doha

35

QATAR – Doha. 30/06/14. Il Qatar è impegnato a trattenere sul suo territorio esperti qualificati che possono portare avanti i numerosi progetti infrastrutturali previsti nei prossimi anni, fonte PwC riportato dall’Arabian Business.

Nella seconda edizione del Ambition edificio Beyond: Medio Oriente Capitali Progetti & Survey Infrastrutture per giugno 2014, PwC ha detto che la conseguente “crisi delle capacità”, crisi che tocca anche gli Emirati Arabi Uniti e l’Arabia Saudita, renderebbe difficile consegnare i progetti nei tempi previsti a meno che non siano state apportate modifiche radicali per stili di gestione. 

PwC ha detto che secondo un sondaggio di 130 titolari dei progetti più importanti della regione, sviluppatori, imprenditori consulenti e finanziatori hanno sottolineato come i tre quarti dei dirigenti d’azienda hanno detto che si aspettavano che la spesa aumenti nel prossimo anno visto che il Qatar si prepara a ospitare la Coppa del Mondo 2022 e gli Emirati Arabi Uniti stanno guardando verso Dubai Expo nel 2020.  Più della metà (54 per cento) degli imprenditori e il 43 per cento degli imprenditori hanno detto che stare al passo con le richieste è la loro sfida più importante per il prossimo anno. 

Il rapporto afferma che per evitare un vuoto di talenti, le imprese dovrebbero concentrarsi sul tentativo di mantenere i loro esperti, dando loro possibilità di sviluppo e progresso. 

Nel frattempo, il membro del Consiglio Shoura saudita Saad Al Bazei avrebbe detto che i lavoratori qualificati di origine del Qatar non avranno bisogno di andare a lavorare all’estero e ancora servono persone qualificate che vengano a lavorare in questi due stati. «Questi progetti di sviluppo di massa hanno bisogno di manodopera non disponibile localmente. Così il paese deve contare su lavoratori stranieri», ha detto Al Bazei, un ex professore al King Saud University. 

Questi lavoratori stranieri sono architetti occidentali e ingegneri come consulenti e quelli necessari per i lavori colletti bianchi, ha detto. 

Allo stato attuale, l’Arabia Saudita ha una popolazione di 29,5 milioni, di cui nove milioni sono all’estero. 

La maggior parte dei lavoratori semi-qualificati viene dalle Filippine, Bangladesh, India, Nepal e Pakistan.