DIRITTI UMANI. Aumentano le violazioni del governo AKP per l’opposizione

115

I casi di violazione dei diritti umani in Turchia nel mese di settembre hanno incluso 207 morti e 224 episodi di tortura o maltrattamento, secondo il rapporto mensile sulle violazioni dei diritti preparato dal difensore dei diritti umani e deputato dell’opposizione Sezgin Tanrıkulu.

Secondo l’agenzia di stampa Mezopotamya, il mese di settembre ha registrato 26 femminicidi, 175 morti di lavoratori, tre morti in carcere e tre bambini uccisi da veicoli militari, ha detto Tanrıkulu, deputato del Partito Repubblicano del Popolo, Chp, all’opposizione, che è anche vice presidente della commissione parlamentare per i Diritti umani.

Ventidue episodi di tortura o maltrattamento hanno avuto luogo nelle prigioni, dove le violazioni dei diritti includono anche la negazione delle cure mediche, la privazione dei bisogni fondamentali tra cui cibo, letti e acqua calda, e il trasferimento forzato in altre prigioni, secondo il rapporto.

Le autorità turche hanno avviato indagini su 12 membri della stampa; nove giornalisti sono stati detenuti e quattro arrestati, ha detto Tanrıkulu, aggiungendo che quattro membri della stampa sono stati attaccati a settembre, riporta Turkish Minute.

La polizia turca è intervenuta in almeno 16 manifestazioni, dichiarazioni pubbliche alla stampa e raduni il mese scorso, arrestando 253 persone, avviando indagini su 13 e arrestandone due. Un totale di 202 incidenti di maltrattamento hanno avuto luogo durante eventi pubblici in cui la polizia è intervenuta violentemente.

Nel rapporto precedente di giugno e relativo al mese di maggio, i casi di violazione dei diritti umani in Turchia a maggio hanno incluso 255 morti e 306 episodi di tortura e maltrattamento, 87 dei quali hanno avuto luogo nelle prigioni, riporta Bianet.

Secondo il rapporto di maggio, almeno 27 politici, tra cui amministratori di partiti politici, sindaci e membri del parlamento, sono stati arrestati. Tredici persone sono state arrestate per espressioni di opinione, e tre persone condannate.

Sette persone sono state arrestate per i loro messaggi sui social media a maggio.

Anna Lotti