DEDOLLARIZZAZIONE. Crypto BRICS al posto dei dollari

49
Screenshot

Cresce l’allarme sull’esplosione del debito nazionale statunitense, che ora si avvicina ai 35mila miliardi di dollari, ovvero al 120% del PIL. 

Il pagamento degli interessi sul debito è diventato la voce più importante del bilancio nazionale degli Stati Uniti, prima delle spese e dei diritti per la difesa, riporta AT.

I sostenitori delle criptovalute negli Stati Uniti chiedono che le criptovalute garantite da asset (stablecoin) siano regolamentate in modo che possano essere utilizzate per acquistare titoli del Tesoro statunitensi e per pagare le tasse. Le criptovalute potrebbero venire in soccorso del sistema finanziario in affanno che avrebbero dovuto sostituire.

La domanda è se una valuta fiat può coesistere con valute emesse privatamente. Il dollaro ha perso il 90% del suo valore negli ultimi 50 anni e continua a perdere potere d’acquisto ad un ritmo di circa il 10% all’anno. Il valore delle criptovalute varia notevolmente, ma quasi tutte hanno un prezzo in dollari. Ciò significa che non sono immuni da una possibile svalutazione del dollaro.

La fine del petrodollaro non ha certo facilitato le cose. Per sostenere la domanda globale di dollari, di fronte all’uscita dal sistema di Bretton Woods, nel 1974 gli Stati Uniti convinsero l’Arabia Saudita a vendere petrolio esclusivamente in dollari in cambio di protezione militare. L’accordo richiedeva a tutte le nazioni importatrici di petrolio di mantenere le riserve in dollari, creando una domanda sempre crescente di dollari.

Il cosiddetto petrodollaro ha consolidato il ruolo del dollaro come valuta di riserva globale. Il commercio di petrolio rappresenta solo il 7% dell’economia globale, ma è essenziale per il restante 93% dell’economia.

Non più vincolato dai limiti imposti dal gold standard, il governo degli Stati Uniti aumentò rapidamente il proprio debito.

Diventando la fabbrica del mondo, la Cina ha sviluppato un massiccio surplus commerciale con gli Stati Uniti, raggiungendo ad un certo punto il miliardo di dollari netti al giorno. La Cina ha utilizzato parte del suo tesoro in dollari per acquistare titoli del Tesoro statunitensi e diventare il più grande creditore mondiale nei confronti degli Stati Uniti, ruolo conteso solo con il Giappone.

Ma poi arrivò la crisi finanziaria globale del 2008 e la Cina ha concluso che gli Stati Uniti non avevano intenzione di contenere la spesa o di riformare il proprio sistema finanziario o politico. Nel corso degli anni Dieci, la Cina ha gradualmente ridotto i suoi acquisti di debito statunitense. Inoltre, ha iniziato a gettare le basi per un’architettura finanziaria alternativa.

Nel 2021, Cina, Hong Kong, Tailandia e Emirati Arabi Uniti hanno annunciato che stavano sviluppando mBridge, un’alternativa digitale a SWIFT, basato su una variante della blockchain, la tecnologia utilizzata nella maggior parte delle criptovalute.

L’architettura di base di mBridge è diventata l’alternativa Brics a Swift. Il Consiglio di cooperazione per gli Stati arabi del Golfo ha testato il proprio CBDC Bridge che sarà collegato a mBridge.

I Brics stanno inoltre sviluppando un’unità monetaria commerciale che potrebbe essere sostenuta in parte da oro, petrolio e altre materie prime. Se i Brics lanciassero una valuta ancorata all’oro, ciò potrebbe influenzare il prezzo di tutto, dal petrolio e oro al rame, all’alluminio e alle terre rare strategicamente importanti utilizzate nella tecnologia verde.

Un Brics in espansione non solo controllerà la maggior parte delle materie prime globali, ma sarà anche il principale produttore di molti beni industriali e di consumo. La produzione economica totale degli attuali membri del Brics ha già superato quella del G7. A giugno 2024, l’Arabia Saudita ha annunciato che avrebbe aderito sia ai Brics che a mBridge. I sauditi stavano già vendendo petrolio in denominazioni diverse dal dollaro, ma l’annuncio chiariva che l’impegno saudita nei confronti del petrodollaro era terminato.

Lucia Giannini

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/