DANIMARCA. L’intelligence arresta cellula ISIS

99

I servizi di sicurezza danesi e tedeschi hanno arrestato un totale di 14 persone nell’ultima settimana con l’accusa di pianificare “uno o più” attacchi terroristici, secondo il servizio di sicurezza e intelligence danese.

Il Pet, Politiets Efterretningstjeneste, ha detto in un comunicato di aver arrestato 13 sospetti in operazioni separate, e che le autorità tedesche hanno arrestato un’altra persona in un caso “collegato” all’indagine, riporta Npr.

Lavorando con la polizia, il Pet ha detto di aver arrestato sette persone tra il 6 e l’8 febbraio, con l’accusa di tentato terrorismo. I sospetti sono accusati di aver acquisito «ingredienti e componenti per la fabbricazione di esplosivi» e armi da fuoco, o di aver favorito il reato. Il tribunale di Holbæk, a ovest di Copenhagen, ha ordinato la detenzione di altre sei persone, ha detto il Pet, aggiungendo che questi individui sono «tutti coinvolti nel caso (…) Crediamo che ci siano individui con l’intenzione e la capacità di commettere attacchi terroristici in Danimarca», ha detto l’agenzia.

Il capo delle operazioni del Pet, Flemming Drejer, ha detto che la polizia ha fatto «scoperte preoccupanti» durante le loro ricerche, scoprendo oggetti tra cui ingredienti per fare bombe, detonatori, pistole a pompa e un fucile da caccia con binocolo. Il giornale danese Jyllands-Posten ha riferito che gli investigatori hanno anche trovato una bandiera dI Daesh, che per Drejer indicherebbe una connessione stretta con l’islamismo militante.

Tuttavia, ha poi detto che non c’era «nessun pericolo imminente» di un attacco, notando che gli ingredienti per la fabbricazione della bomba non erano ancora stati messi insieme. Il Pet ha detto che il caso non cambia la sua valutazione della minaccia terroristica della Danimarca, che è classificata come “significativa”.

Nick Hækkerup, ministro della Giustizia danese, ha definito gli arresti una «grande operazione antiterrorismo» in un post su Twitter: «Purtroppo, il caso dimostra che la minaccia terroristica contro la Danimarca rimane grave (…) Ma abbiamo una polizia esperta e vigile che ha dimostrato di prendersi cura di noi».

Le autorità tedesche hanno detto che tre dei sospetti sono fratelli siriani di 33, 36 e 40 anni, secondo i media locali: Due sono stati arrestati in Danimarca e uno in Germania dopo un ordine online sospetto, effettuato a gennaio, di prodotti chimici che possono essere utilizzati per fare bombe.

Quando gli investigatori hanno perquisito l’appartamento in Germania, hanno trovato una varietà di prodotti esplosivi, una bandiera ISIS, ma non le sostanze dell’ordine, poi trovate in Danimarca, secondo il Jyllands-Posten.

Lucia Giannini