Nuovo attentato suicida in Daghestan

55

DAGHESTAN – Khuchni 23/09/2013. Due agenti di polizia sono stati uccisi e 12 feriti in un attentato suicida avvenuto la mattina del 23 settembre in Daghestan, tormentata repubblica del Caucaso settentrionale.

Una macchina era stata parcheggiata all’esterno del contado centrale di polizia della città di Khuchni, a sud della capitale del Daghestan, da un kamikaze che si è fatto poi esplodere assieme al mezzo, si legge in un comunicato del ministero dell’Interno. A seguito dello scoppio due agenti di polizia sono stati uccisi e 12 feriti, di questi due versano in condizioni critiche in ospedale, secondo quanto riferito dalla polizia. A queste vittime va poi aggiunto  l’attentatore. Gli investigatori russi hanno detto che nove veicoli della polizia sono stati danneggiati nell’esplosione.

Gli attacchi alle forze di sicurezza, di polizia e ai civili si verificano con una impressionante cadenza regolare nel Caucaso del Nord, percorso da rivalità etniche, religiose e politiche, così come da povertà e corruzione. La violenza è stata anche alimentata dalla rivolta islamista, particolarmente accesa in Daghestan.