Il Califfato Fantasma di DAESH

74

ITALIA – Roma 28/01/2016. In un video diffuso giorni fa attraverso account Twitter e Telegram di Daesh, il Caliphate Cyber ​​Army (Cca) ha annunciato la formazione di una nuova organizzazione di hacking chiamata il Califfato fantasma.

«Giuriamo fedeltà alla califfo Abu Bakr», viene detto nel video, e a seguire il resto della bahya, cioè del giuramento di obbedienza al califfo Ibrahim (al Baghdadi).
AnonGhost è noto per aver compiuto attacchi informatici contro siti web israeliani; l’Olp ha condannato il giuramento di AnonGhost a Daesh. Nonostante le somiglianze nel nome, il collettivo hacktivist Anonymous ha preso le distanze da AnonGhost negli ultimi anni; frattura completa dopo gli attentati terroristici contro Charlie Hebdo a gennaio 2015: AnonGhost descrisse la pubblicazione come “Charlie Pedo” e dichiarò la jihad digitale contro la Francia.
Parafrasando lo slogan Anonymous, Anon Ghost afferma nel video: «Noi siamo una legione, non perdoniamo, non dimentichiamo, noi aspettiamo (…) Noi siamo musulmani, siamo tanti. Amate il Tawhid (l’unicità di Dio), fortificate l’Islam, la legge è la Sharia». Il video, di non grande fattura a dire la verità, poi minaccia l’Occidente crociato e israeliano invitandondoli a sottomettersi pagando la jizyah per non subire la gusta punizione. Lo Stato islamico starebbe reclutando hacker, sopratutto in India, per effettuare nuovi attacchi cibernetici.