Cina, Pil al 7,7% ma non basterà a fermare la crisi

35

CINA – Pechino. 14/06/13. Nuovo rapporto della Banca Mondiale, dove l’Istituto mette in guardia i Paesi sviluppati, sostenendo che la crescita globale è “disattivata”, cattive notizie anche per i Paesi emergenti con stime di crescita riviste al ribasso. 

 

Il PIL mondiale dovrebbe crescere del 2,2 per cento quest’anno, prima toccare il 3 per cento e 3,3 per cento nel 2014 e nel 2015

In Cina, dove l’obiettivo del governo del 7,5 per cento per il 2013 è stato sostenuto dalla crescita del primo trimestre del 7,7 per cento, il ritmo più lento rispetto agli anni precedenti è dovuto al cambiamento del paese verso un’economia basata sulla domanda dei consumatori, ha detto la Banca Mondiale. Il rapporto prevede crescita cinese quest’anno sarà 7,7 per cento, leggermente superiore alla stima ufficiale, seguito da 8 per cento e 7,9 per cento nel 2014 e nel 2015.

Ripartito per regione, il rapporto prevede una crescita di quest’anno in Asia orientale e nel Pacifico del 7,3 per cento (5,7 per cento se si esclude la Cina), l’Europa e l’Asia centrale, il 2,8 per cento, l’America Latina e i Caraibi, il 3,3 per cento, il Medio Oriente e Nord Africa, 2,5 per cento, l’Asia meridionale, 5,2 per cento, e l’Africa sub-sahariana, 4,9 per cento.

Sia per il 2014 che per il 2015, la crescita dell’Asia-Pacifico dovrebbe raggiungere il 7,5 per cento, con una calusola di sospensione per via della diminuzione della definizione degli investimenti dalla Cina e per la politica del Giappone di acquistare un proprio debito di mantenendo i tassi di interesse bassi.

Anche se la crescita del mondo in via di sviluppo sarà probabilmente supererà quello dei paesi a più alto reddito, «è notevolmente più lento di quello che siamo stati abituati nel periodo pre-crisi (prima del 2008), ma vediamo che questa crescita più lenta è ancora robusta, ancora forte», ha detto Andrew Burns, responsabile globale macroeconomia presso la Banca Mondiale e autore principale del rapporto.

La Banca Mondiale inoltre invita i governi dei Paesi in via di sviluppo a spostare la loro attenzione dal mondo esterno al loro interno perché si profilano molte difficoltà nel breve periodo. 

Il Presidente della Banca mondiale Jim Yong Kim riferito al Wall Street Journal che l’istituto di credito sta monitorando attentamente i possibili “effetti di ricaduta” da parte delle banche centrali limitative di politiche volte a stimolare il consumo interno.

«Una delle preoccupazioni è che cosa succederà se dovesse esserci un arresto improvviso della politica monetaria allentata e quali ricadute vi sarebbero per i Paesi in via di Sviluppo», ha detto Kim.

Per combattere queste pressioni, la nuova relazione della Banca mondiale raccomanda ai paesi in via di sviluppo, per portare a compimento le riforme strutturali e per aumentare l’offerta delle loro economie, di ridurre gli investimenti in operazioni “business”, e di aumentare invece la loro apertura al commercio estero e gli investimenti, e gli investimenti in infrastrutture e lo sviluppo della forza lavoro.

L’Istituto di Washington consiglia in estrema sintesi ai governi dei Paesi in via di sviluppo di investire meno nella finanza e di implementare il mercato interno. A flettere è per esempio il mercato delle materie prime, perché l’espansione economica aumenta solo del 4% mentre per poter far ripartire il motore dell’economia mondiale ci vorrebbe una espansione pari a quella del pre crisi del 7,7%.