COVID19. Disertori da Wuhan provano la colpevolezza di Pechino. Bannon dixit

123

Esperti che lavoravano nel laboratorio di Virologia di Wuhan, al centro dei sospetti globali sulla pandemia del coronavirus hanno “disertato” e sono nelle mani dell’intelligence occidentale. La notizia arriva da Steve Bannon, che in una intervista al Mail on Sunday, ha detto che le intelligence britannica e e statunitense stavano raccogliendo le prove contro Pechino sulla base del fatto che la pandemia globale era stata causata dall’Istituto di Virologia di Wuhan e che il successivo insabbiamento è stato un “omicidio premeditato”.

Le sue affermazioni sulla fonte del virus sono arrivate quando i governi occidentali hanno raccolto prove crescenti per contestare l’affermazione originaria di Pechino secondo cui l’infezione si sarebbe diffusa per la prima volta da un mercato del pesce nei pressi del laboratorio. Anche il Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie del governo cinese ha recentemente ammesso che il virus è stato introdotto sul mercato, piuttosto che essere originato da lì.

Bannon ha detto: «So che alcuni disertori stanno lavorando con l’Fbi qui per cercare di mettere insieme ciò che è successo nell’istituto Wuhan, che è stato terribilmente gestito e terribilmente mal gestito».

«Non stanno ancora parlando con i media, ma ci sono persone del laboratorio di Wuhan e di altri laboratori che sono venuti in Occidente e stanno consegnando le prove della colpevolezza del Partito comunista cinese. Credo che la gente rimarrà scioccata», ha detto Bannon. L’ex consigliere di Trump ha detto che le indagini stanno trovando che il virus si è diffuso a seguito di un incidente durante ricerche ed esperimenti per sviluppare vaccini e farmaci terapeutici per trattare i virus in stile Sars.

Ha poi detto: «Penso che agenzie d’intelligence abbiano fatto un inventario completo di chi ha aveva accesso a quel laboratorio. Penso che abbiano prove molto convincenti. E ci sono stati anche dei disertori. La gente intorno a questi laboratori ha lasciato la Cina e Hong Kong da metà febbraio. I servizi segreti americani, insieme all’MI5 e all’MI6, stanno cercando di costruire un caso legale molto accurato, che potrebbe richiedere molto tempo. Non è come un film di James Bond».

Bannon ha persino suggerito che il governo francese, che ha contribuito a costruire l’istituto, si sia lasciato alle spalle i sistemi di monitoraggio dopo che Pechino li ha esclusi dal progetto prima della sua apertura nel 2017: «La cosa è stata costruita con l’aiuto francese, quindi non pensate che non ci siano dei dispositivi di monitoraggio. Penso che quello che scoprirete è che questi ragazzi stavano facendo esperimenti che non erano completamente autorizzati o sapevano cosa stavano facendo e che in qualche modo, o per un errore involontario, o su un tecnico di laboratorio, una di queste cose è uscita. Non è così difficile per questi virus uscire. Ecco perché questi laboratori sono così pericolosi».

Bannon ha detto poi: «Indipendentemente dal fatto che sia uscito dal mercato o dal laboratorio di Wuhan, le successive decisioni del partito comunista cinese hanno pesato molto, li ritengono colpevoli di omicidio premeditato. Lo sappiamo perché il 31 dicembre Taiwan ha formalmente informato l’OMS che c’era una sorta di epidemia in arrivo dalla provincia di Hubei. Il Comitato centrale di Pechino è stato informato il 2 o 3 gennaio, e ha deciso di non divulgare questa informazione e di firmare un accordo commerciale con gli Stati Uniti il 15 gennaio. Se fossero stati schietti e sinceri nell’ultima settimana di dicembre, il 95% delle vite perse e la carneficina economica sarebbe stata contenuta».

Antonio Albanese