COVID 19. Mosca stacca tutti nella corsa al vaccino

51

La Russia ha in programma di condividere i risultati preliminari della sperimentazione del vaccino Covid-19, basata sulle prime sei settimane di monitoraggio dei partecipanti.

Alexander Gintsburg, capo dell’Istituto Gamaleya che ha prodotto il vaccino Sputnik V, ha detto, riporta Reuters, che il ritmo del suo sviluppo era necessario nelle condizioni “belliche” di una pandemia, e che non c’erano scorciatoie.

La Russia ha portato avanti il suo potenziale vaccino Covid-19 alla massima velocità con le vaccinazioni pubbliche di massa a fianco del principale esperimento umano, sollevando tra alcuni osservatori la preoccupazione di dare priorità al prestigio nazionale rispetto alla scienza e alla sicurezza. Il piano di pubblicazione dei risultati intermedi, basato sui primi 42 giorni di monitoraggio dei volontari, significa che la Russia ha un’alta probabilità di diventare la prima al mondo ad annunciare i dati di un trial di fase finale, noto come Fase III.

Il primo di 5.000 volontari è stato vaccinato il 9 settembre, il che significa che i risultati provvisori potrebbero essere pubblicati dopo il 21 ottobre. Il fondo sovrano russo, che ha investito nel lancio del vaccino, ha detto che si aspetta che i risultati provvisori siano pubblicati in ottobre o novembre. Parallelamente alla sperimentazione, l’8 settembre la Russia ha iniziato ad inoculare personaggi pubblici considerati ad alto rischio, un’altra mossa non convenzionale di Mosca nella corsa al vaccino.

Secondo il ministero della Salute, finora sono state “vaccinate” circa 400 persone. Si sottopongono a un esame medico meno rigoroso rispetto ai volontari, anche se possono presentare i dati sulla loro salute dopo l’inoculazione attraverso una piattaforma online.

I risultati provvisori della sperimentazione della Fase III probabilmente formeranno una decisione sull’opportunità di espandere questa campagna di vaccinazione di massa, a partire da persone con più di 60 anni.

Nel frattempo, riporta LiveMint, la Russia ha registrato 8.135 casi di Covid-19 in 24 ore, il più alto in giugno, portando il totale cumulativo dei casi a 1.159.573, ha detto il Centro di risposta del coronavirus. L’aumento maggiore è stato identificato a Mosca, dove sono stati registrati 2.217 nuovi test positivi. Un totale di 237 nuovi casi sono stati identificati a San Pietroburgo e 212 sono stati confermati nella regione di Mosca.

Anna Lotti