CORONAVIRUS. Rischio globale di mancanza di medicine

203

Le pesanti misure di contenimento, anche economiche, del Covid 19 da parte delle autorità cinesi potrebbero avere conseguenze globali. La Cina infatti è il primo produttore mondiale di principi attivi farmaceutici e le perturbazioni della produzione cinese potrebbero scatenere un effetto domino che potrebbe sconvolgere le catene di fornitura globali.

La Food and Drug Administration Usa ha annunciato una serie di mancanze e penurie a causa delle interruzioni nella produzione di principi attivi a causa del coronavirus. L’Amministrazione Usa ha identificato 20 farmaci con principi attivi provenienti esclusivamente dalla Cina, riporta Scmp.

L’Europa si è preparata ad un impatto simile. L’Agenzia europea per i medicinali dell’Unione europea ha dichiarato di star monitorando il potenziale impatto dell’epidemia sulle catene di fornitura farmaceutica nell’Ue, anche se non ci sono ancora segnalazioni di interruzioni di fornitura.

Di che tipo di farmaci si tratta? Gli antibiotici, i farmaci per la pressione sanguigna e il diabete, i trattamenti antiretrovirali per l’Hiv e l’Aids, i comuni prodotti come l’ibuprofene e l’idrocortisone steroideo rientrano nella vasta produzione industriale cinese di farmaci generici e dei loro principi attivi. Tali ingredienti, che nella maggior parte dei casi non sono più coperti da brevetto, hanno avuto un valore combinato di esportazione di oltre 30 miliardi di dollari nel 2018, secondo gli ultimi dati della Camera di Commercio cinese per l’importazione e l’esportazione di medicinali e prodotti sanitari. L’ottanta per cento dei principi attivi farmaceutici negli Stati Uniti sono importati, la maggior parte dei quali proviene dalla Cina e dall’India. 

Nel 2019, la percentuale delle importazioni statunitensi di farmaci provenienti dalla Cina comprendeva il 95% di ibuprofene, il 91% di idrocortisone, il 70% di paracetamolo, il 40-45% di penicillina e il 40% di eparina, secondo i dati del Dipartimento del Commercio statunitense.

La situazione della fornitura di farmaci è emblematica di molti problemi nel settore manifatturiero: c’è stata un’esplosione di delocalizzazione della produzione in Cina, ma non sono stati compresi i rischi strategici che ciò comporta per molti di questi prodotti. Queste preoccupazioni sono state riportate sotto i riflettori dal coronavirus.

Sabato scorso, la Cina ha annunciato che l’indice dei suoi responsabili degli acquisti manifatturieri, una misura dell’attività delle fabbriche, a febbraio è sceso a un minimo storico. Il precedente minimo storico era stato raggiunto durante la crisi finanziaria globale del novembre 2008 e secondo Xinhua, anche la produzione farmaceutica è in contrazione.

Se la produzione farmaceutica riprendesse a breve le conseguenze potrebbero essere limitate, ma ancora è presto per dirlo.

Graziella Giangiulio