Più Seul a Baghdad

44

IRAQ – Baghdad 22/02/2014. Cresce la presenza sudcoreana in Iraq.

Un consorzio di quattro grandi società di costruzioni sudcoreane ha ottenuto un contratto da 6,04 miliardi di dollari per costruire una raffineria di petrolio in Iraq. Hyundai Construction, Hyundai Engineering, GS Construction e SK Construction hanno vinto la gara bandita dalla Società di Stato dell’Iraq per i progetti petroliferi (Scop). Secondo l’accordo, le quattro imprese costruiranno un impianto in grado ogni giorno di raffinare 140mila barili di greggio a Karbala, circa 120 chilometri a sud di Baghdad, riportano fonti della Hyundai Construction e GS Construction. L’opera durerà 54 mesi ma le due società non hanno darti ancora una data di inizio. Le due Hyundai hanno la quota del 37,5 per cento nel progetto, GS Construction la stesso e SK Construction un 25 per cento. Le imprese sudcoreane hanno intensificato gli sforzi negli ultimi anni per sfruttare la regione del Medio Oriente, ricca di petrolio, cercando di costruire e aggiornare le infrastrutture energetiche e il settore edilizio abitativo. Hyundai Heavy Industries, i costruttori navali più importanti del mondo, ha vinto un contratto da 3,3 miliardi di dollari alla fine dell’agosto 2013 per costruire una centrale elettrica a vapore in Arabia Saudita dopo una serie di offerte analoghe. La società di Seul, Hanwha Group, ha vinto un contratto da 7,75 miliardi di dollari con l’Iraq nel 2012 per costruire 100mila abitazioni alla periferia di Baghdad in un progetto finalizzato ad affrontare un massiccio deficit abitativo.