COREA DEL SUD. Seul vuole una maggiore presenza strategica USA nello scacchiere

151

Alla luce di una serie di test missilistici nordcoreani nei primi tre mesi di quest’anno, e dei timori di un imminente test nucleare, il presidente eletto della Corea del Sud Yoon Suk-Yeol vuole un ridispiegamento di risorse strategiche statunitensi in Corea del Sud per rafforzare la deterrenza del paese.

Tra le risorse strategiche statunitensi che la Corea del Sud vuole che siano riposizionate sul suo territorio ci sono sottomarini a propulsione nucleare, portaerei e bombardieri a lungo raggio. Oltre al ridispiegamento di tali risorse strategiche, entrambi i paesi stanno anche cercando nuove partnership tecnologiche per la difesa.

In una conferenza a febbraio scorso, Kang Eun-Ho, il ministro dell’Amministrazione del programma di acquisizione della difesa della Corea del Sud, ha detto che le industrie della Corea del Sud hanno fatto progressi significativi e gli Stati Uniti potrebbero attingere ad esse per lo sviluppo della propria industria, concentrandosi su campi come l’IA, il calcolo quantistico e le tecnologie autonome.

Ha anche aggiunto che la Corea del Sud ha diverse aziende leader nel settore tecnologico, come Samsung, Hanwha e LG, e che la Corea del Sud potrebbe colmare il gap nella fornitura di semiconduttori negli Stati Uniti.

Queste mosse arrivano dopo una serie di test missilistici nordcoreani a gennaio, febbraio e marzo di quest’anno. Il 15 gennaio, la Corea del Nord ha testato due missili balistici a corto raggio su rotaia che hanno viaggiato per 430 chilometri a un’altitudine massima di 36 chilometri dopo essere stati lanciati verso est dalla costa settentrionale del paese.

La Corea del Nord ha successivamente condotto altri test missilistici il 25, 27 e 30 gennaio, con l’ultimo, forse il suo test missilistico a più lungo raggio dal novembre 2017, con un missile balistico a raggio intermedio Hwasong-12 che ha raggiunto un’altitudine di 2.000 chilometri e una portata di 800 chilometri. La Corea del Nord ha seguito questi test successivi con un altro il 27 febbraio. Si sospetta che il missile sia stato lanciato da Sunan, dove si trova l’aeroporto internazionale di Pyongyang.

Secondo i Capi di Stato Maggiore sudcoreani, il missile ha volato a un’altitudine massima di 620 chilometri, con una portata di 300 chilometri. Successivamente, la KCNA ha affermato che il lancio era per lo sviluppo di un sistema satellitare di ricognizione. La Corea del Nord ha testato un altro missile balistico al largo della sua costa orientale il 24 marzo. Il missile è stato lanciato da Sunan vicino a Pyongyang, ha raggiunto un’altitudine di 6.200 chilometri e aveva una portata di 1.080 chilometri. In risposta al test, la Corea del Sud ha condotto i propri test missilistici da piattaforme di lancio terrestri, marine e aeree.

Oltre a questi test missilistici, la Corea del Nord potrebbe presto riprendere i test nucleari, forse anche la prossima settimana in commemorazione del 110° compleanno del suo fondatore Kim Il Sung il 15 aprile. La Corea del Nord ha condotto sei test nucleari noti dal 2006, il più recente nel settembre 2017. Le immagini satellitari di questo mese hanno mostrato che la Corea del Nord ha forse ripreso la costruzione del suo sito di test nucleari di Punggye-ri, che era stato precedentemente fermato nel 2018 dopo che il leader nordcoreano Kim Jong Un aveva accettato di fermare i test sulle armi nucleari.

Mentre il sito è stato precedentemente dichiarato distrutto nel 2018, con i suoi tunnel di prova saltati in aria e crollati, si ritiene che il danno sia stato solo lieve e potrebbe essere facilmente reversibile. Mentre è possibile che la Corea del Nord stia preparando il sito per riprendere i test nucleari, una completa ristrutturazione della struttura di prova potrebbe richiedere mesi o anni, e il paese potrebbe anche costruire un nuovo sito di test.

Un altro sviluppo riguardante il programma nucleare della Corea del Nord è stato riportato nell’agosto dello scorso anno, quando presumibilmente ha riavviato il reattore nucleare di Yongbyon, un reattore nucleare da 5 megawatt, cuore del programma nucleare della Corea del Nord, che produce il plutonio necessario per le testate nucleari del paese.

Maddalena Ingrao