COREA DEL SUD. Seul testa il primo razzo spaziale home made

93

La Corea del Sud prevede di testare il suo primo veicolo di lancio spaziale di produzione nazionale in settimana, un passo importante verso l’avvio del suo programma spaziale e il raggiungimento di obiettivi ambiziosi nelle reti 6G, satelliti spia e persino sonde lunari. Se tutto va bene, il razzo a tre stadi NURI, progettato dal Korea Aerospace Research Institute, KARI, per mettere in orbita carichi utili da 1,5 tonnellate a 600-800 km sopra la Terra, porterà un falso satellite nello spazio.

L’ultimo booster della Corea del Sud, lanciato nel 2013 dopo molteplici ritardi e diversi test falliti, è stato sviluppato congiuntamente con la Russia, riporta Reuters. «Il nuovo KSLV-II NURI utilizza esclusivamente tecnologie di razzi coreani, ed è il primo veicolo di lancio spaziale costruito a livello nazionale», ha detto Han Sang-yeop, direttore della divisione di garanzia della qualità dell’affidabilità del lanciatore di KARI: «Avere il proprio veicolo di lancio dà a un paese la flessibilità dei tipi di carico utile e del programma di lancio», ha poi aggiunto.

Inoltre, dà anche al paese più controllo sui “carichi utili riservati” che potrebbe voler inviare in orbita, ha poi detto Han. Questo sarà importante per i piani della Corea del Sud di lanciare satelliti di sorveglianza in orbita, in quello che i funzionari della sicurezza nazionale hanno chiamato una costellazione di “occhi senza occhi” per monitorare la Corea del Nord.

Finora, la Corea del Sud è rimasta quasi totalmente dipendente dagli Stati Uniti per l’intelligence satellitare sul suo vicino settentrionale.

NURI è anche la chiave per i piani sudcoreani di costruire alla fine un sistema di navigazione satellitare coreano e una rete di comunicazioni 6G.

La Corea del Sud, infine, sta lavorando con gli Stati Uniti su un orbiter lunare, e spera di far atterrare una sonda sulla luna entro il 2030.

Lucia Giannini