COREA DEL SUD. Risorge il GSOMIA: l’accordo d’intelligence nippo-coreano

153

Il governo sudcoreano ha deciso di rimettere in piedi l’Accordo sulla sicurezza generale delle informazioni militari, Gsomia, in seguito ai segnali di miglioramento dei legami tra i Paesi vicini.

Il Gsomia è un accordo bilaterale di sicurezza tra Corea del Sud e Giappone per la condivisione di informazioni militari e di intelligence sensibili. La precedente amministrazione di Moon Jae-in aveva quasi lasciato scadere il patto nel 2019 in risposta ai controlli più severi di Tokyo sulle esportazioni verso Seul, riporta The Korea Times.

Tuttavia, la Corea del Sud ha sospeso condizionalmente la decisione di terminare l’accordo, a seguito di una risoluzione approvata dal Senato degli Stati Uniti che chiedeva a Seul di rinnovarlo, lasciando il patto in uno stato alquanto instabile, poiché il governo sudcoreano aveva dichiarato che avrebbe potuto rottamare il Gsomia in qualsiasi momento.

Stando allo Yomiuri Shimbun: «Mentre la Corea del Nord avanza nello sviluppo nucleare e missilistico, il Giappone e la Corea del Sud lavoreranno per rafforzare la cooperazione nel campo della sicurezza».

L’amministrazione Yoon Suk Yeol intende ritirare i documenti che hanno notificato al Giappone la fine della Gsomia nel 2019 e informare il Paese che ritirerà le misure pertinenti adottate all’epoca.

La notizia è giunta pochi giorni dopo che l’amministrazione Yoon ha elaborato una risoluzione sul risarcimento delle vittime del lavoro forzato in tempo di guerra del Giappone utilizzando una fondazione pubblica finanziata da aziende coreane senza pagamenti diretti da parte del Giappone, sollevando speculazioni sul fatto che il piano potrebbe spianare la strada per migliorare i legami oggi incrinati.

La questione dei lavori forzati ha fatto sprofondare le relazioni Corea-Giappone al livello più basso dal Dopoguerra, a causa di un’ordinanza del 2018 della Corte Suprema sudcoreana che obbliga le aziende giapponesi – Mitsubishi Heavy Industries e Nippon Steel – a risarcire le vittime coreane costrette a lavorare per il Giappone imperiale durante l’occupazione coloniale della Corea dal 1910 al 1945.

Da quando si è insediato nel maggio 2022, il presidente Yoon si è impegnato per normalizzare le relazioni di Seul con il Giappone, basandosi sull’importanza della cooperazione trilaterale in materia di sicurezza con gli Stati Uniti contro le minacce in evoluzione della Corea del Nord. Pyongyang ha concluso lo scorso anno con 38 lanci di missili balistici in totale.

In risposta alla notizia, il ministero della Difesa sudcoreano ha dichiarato che intende rivederlo in consultazione con le organizzazioni governative competenti, in base ai progressi delle relazioni Corea-Giappone.

Secondo l’ufficio presidenziale sudcoreano, Yoon si recherà a Tokyo per incontrare il primo ministro giapponese Fumio Kishida il 16 e il 17 marzo. «Si prevede che i due leader confermino l’importanza della Gsomia al vertice della prossima settimana».

Ha aggiunto che i tempi dell’annuncio finale della normalizzazione saranno decisi in base ai progressi del governo giapponese che ha revocato il controllo sulle esportazioni di tre materiali industriali fondamentali per l’industria sudcoreana dei chip e dei display, come apparente ritorsione alle sentenze della Corte Suprema.

Tommaso Dal Passo

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/