COREA DEL SUD. La peste suina viene da Russia e Cina

70

Il virus della peste suina africana, che ha colpito duramente gli allevatori di maiali della Corea del Sud negli ultimi sei mesi, sembra avere avuto origine dalla Russia e dalla Cina prima di diffondersi nelle zone di confine intercoreane attraverso la Corea del Nord. L’Istituto Nazionale di Ricerca Ambientale, Nier, del ministero dell’Ambiente, ha pubblicato un rapporto sulla via di trasmissione del virus della peste suina che è stato rilevato dai resti dei cinghiali nelle zone di confine nordcoreane dallo scorso autunno.

La peste suina ha iniziato a diffondersi in Georgia, nel 2007, ed è stato trasferito nella Russia centrale nel 2017 e poi in Asia, tra cui Cina, Mongolia e Vietnam, dal 2018. Il virus non può infettare l’uomo, ma il suo tasso di mortalità raggiunge quasi il 100 per cento quando vengono infettati suini e animali affini. La Corea del Sud ha finora segnalato 604 casi confermati di peste suina dal suo primo focolaio riscontrato il 2 ottobre dello scorso anno. Le autorità locali hanno abbattuto più di 400mila suini domestici come misura preventiva, riporta The Korea Herald.

I ricercatori del Nier hanno detto di aver stimato la via di trasmissione del virus dal fatto che il genotipo del virus trovato dai cinghiali domestici è lo stesso del virus che è stato prevalente in Russia e in Cina dopo aver avuto origine dalla Georgia nel 2007.

Il genotipo del virus della peste suina della Corea del Nord non è ancora noto a livello internazionale. Ma Pyongyang ha ufficialmente riferito all’Organizzazione Mondiale per la Salute Animale che le infezioni si sono verificate in un allevamento di maiali vicino al fiume Yalu, vicino alla Cina, il 30 maggio dello scorso anno. Per questo motivo, i ricercatori del NIER hanno ipotizzato che la Corea del Nord possa aver avuto un ruolo di intermediario nella diffusione della peste suina di tipo georgiano nella Corea del Sud. La maggior parte delle prime infezioni in Corea del Sud sono state segnalate dalle sue zone di confine situate a meno di un chilometro a sud del confine intercoreano.

Tommaso dal Passo