COREA DEL SUD. Kim lancia ancora missili mentre attracca la Nimitz a Busan

198

Una portaerei statunitense è arrivata in Corea del Sud per la prima volta in sei mesi, in segno di alleanza dopo che la Corea del Nord ha lanciato due missili balistici a corto raggio che, a suo dire, servivano da avvertimento ai due alleati.

Il ministero della Difesa della Corea del Sud ha dichiarato che l’11° gruppo d’assalto di portaerei, tra cui la USS Nimitz a propulsione nucleare, è arrivato alla base navale di Busan martedì dopo aver partecipato a un’esercitazione congiunta vicino all’isola di Jeju il giorno precedente.

L’11° gruppo d’assalto statunitense è composto anche dalla USS Bunker Hill, un incrociatore con missili a guida Ticonderoga, e da due cacciatorpediniere della classe Arleigh Burke, la USS Wayne E. Meyer e la USS Decatur, ha dichiarato il Ministero, riporta AP.

Svolgeranno esercitazioni marittime congiunte con le navi da guerra sudcoreane nell’ambito dell’esercitazione Warrior Shield, tra cui l’addestramento di convogli di portaerei e la guerra di difesa aerea, per rafforzare la loro posizione di difesa congiunta.

L’ammiraglio Christopher Sweeney, comandante del gruppo d’assalto della portaerei, ha dichiarato che la visita dimostra il sostegno degli Stati Uniti alla Corea del Sud e la disponibilità dell’alleanza a scoraggiare le minacce missilistiche della Corea del Nord. «Non sono minacciato o preoccupato per la Corea del Nord», ha detto Sweeney ai giornalisti, secondo Yonhap. «Gli Stati Uniti hanno mezzi strategici dispiegabili pronti ogni giorno».

La Corea del Nord ha lanciato due missili balistici poche ore prima dell’arrivo a Busan del gruppo d’attacco della portaerei statunitense, che sono arrivati al di fuori della zona economica esclusiva del Giappone, vicino alla costa orientale della penisola coreana.

Lo Stato Maggiore della Corea del Sud ha dichiarato che il primo missile è stato lanciato intorno alle 7.47, ora locale, seguito da un secondo missile 10 minuti dopo. I missili hanno percorso 370 chilometri a un’altitudine massima di circa 50 chilometri. Il Comando Indo-Pacifico degli Stati Uniti ha dichiarato che i lanci non rappresentano una minaccia immediata per gli Stati Uniti o i suoi alleati, ma hanno evidenziato “l’impatto destabilizzante” dei programmi illegali di armi nucleari e missili della Corea del Nord.

L’agenzia statale Korean Central News Agency ha dichiarato che la Corea del Nord ha anche testato un drone d’attacco nucleare sottomarino chiamato “Haeil-1” dal 25 al 27 marzo.

Secondo un precedente lancio della Kcna, il drone subacqueo è in grado di generare uno “tsunami radioattivo su scala superlativa” e di distruggere gruppi di attaccanti navali e porti nemici.

Martedì 28 marzo, l’agenzia nordcoreana batte la notizia che il leader nordcoreano Kim Jong-un ha chiesto un aumento della produzione di “materiale nucleare di grado militare” per espandere “in modo esponenziale” l’arsenale del Paese.

Kim ha fatto queste osservazioni durante l’ispezione del programma nucleare del regime, dove gli è stato illustrato un sistema di gestione delle armi nucleari basato su tecnologie informatiche “la cui accuratezza scientifica, affidabilità e sicurezza sono state rigorosamente verificate”, ha dichiarato la KCNA.

Ha esortato a rafforzare la forza nucleare della Corea del Nord, affermando che il nemico non oserà provocare la sovranità del Paese «se la potente e superiore forza nucleare, che va oltre ogni immaginazione, è pronta per una posizione offensiva», secondo il rapporto.

La Corea del Nord ha lanciato più di 20 missili balistici e da crociera in 11 occasioni quest’anno, nel tentativo di costringere gli Stati Uniti ad accettare il suo status nucleare e a negoziare la rimozione delle sanzioni da una posizione di forza.

Le armi testate questo mese includono un missile balistico intercontinentale e una serie di missili a corto raggio destinati a sopraffare le difese sudcoreane, mentre la Corea del Nord cerca di dimostrare la capacità di condurre attacchi nucleari sia sulla Corea del Sud che sulla terraferma degli Stati Uniti.

La Corea del Nord ha anche condannato le esercitazioni militari congiunte tra Stati Uniti e Corea del Sud come prove di invasione, anche se gli alleati hanno dichiarato che le esercitazioni sono di natura difensiva.

Luigi Medici

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/