COREA DEL NORD. “Vi racconto Pyongyang in quarantena”

538

Un reporter messo in quarantena per quasi un mese in Corea del Nord ha detto che la nazione stava seguendo severe linee guida per evitare la pandemia di coronavirus, compreso il controllo della temperatura di coloro che sono stati messi in quarantena, per tre volte al giorno.

Roh Geum-soon, un giornalista del Choson Sinbo, un giornale filonordcoreano che viene pubblicato in Giappone, in un video di YouTube postato domenica scorsa ha detto che non le è stato permesso di uscire dal suo hotel a Pyongyang durante l’intero periodo di quarantena. Roh ha detto che è stata messa in quarantena per 30 giorni, anche se non ha specificato le date esatte, riporta Korea Herald.

«Sei giorni prima che l’Organizzazione Mondiale della Sanità dichiarasse la pandemia, il 24 gennaio, la Corea del Nord ha lanciato un sistema di emergenza nazionale e ha seguito le proprie misure anti-virus», ha detto Roh nel video postato sul canale YouTube Pyongtong, gestito da un gruppo di coreani e giapponesi.

La Corea del Nord ha chiuso tutti i porti di ingresso via terra, mare e aria come parte dei suoi sforzi per bloccare l’ingresso del coronavirus nel Paese. Tutti gli stranieri e i coreani d’oltremare che entrano nel Paese sono stati portati in una struttura isolata nella città di Pyongsongong, nella provincia meridionale di Pyongan, ha detto Roh.

Il giornalista ha detto che i medici hanno controllato la sua temperatura corporea tre volte al giorno, e le persone la cui temperatura corporea superava i 37,5 C sono state portate nella struttura isolata di Pyongsongong: «Senza maschera, non ci era permesso di salire sull’autobus, o di entrare nei negozi o negli uffici… erano così rigidi», ha detto.

Anche la Corea del Nord ha ordinato alla popolazione di indossare le maschere, con l’obiettivo di produrre decine di migliaia di maschere nelle fabbriche e nelle case, secondo Roh. La Corea del Nord non ha segnalato alcuna infezione da virus COVID-19, ma ha richiesto sforzi a livello nazionale per prevenire un’epidemia nel paese, compresi controlli intensificati alle frontiere e un processo di quarantena più rigoroso, riporta Yonhap.

Maddalena Ingrao