COREA DEL NORD. Scoperta base segreta per gli ICBM di Kim

141

Un think tank di Washington dice di aver identificato una base militare vicino al confine della Corea del Nord con la Cina che è probabilmente destinata allo stazionamento di missili balistici intercontinentali. Il Center for Strategic and International Studies ha basato il suo rapporto sulle immagini satellitari del 21 gennaio della base di Hoejung-ni, nella provincia nordcoreana di Chagang a circa 25 km dal confine con la Cina e 280 km a nord-est di Pyongyang.

«La base operativa missilistica di Hoejung-ni, secondo fonti informate, ospiterà probabilmente un’unità di dimensioni di un reggimento equipaggiata con missili balistici intercontinentali (…) Se gli Icbm operativi non dovessero diventare disponibili a breve termine, è probabile che vengano impiegati missili balistici a raggio intermedio, Irbm», si legge nel rapporto, ripreso da Reuters.

Hoejung-ni è una delle circa 20 basi di missili balistici che non sono mai state dichiarate dalla Corea del Nord e che anche se la sua costruzione è iniziata 20 anni fa, è stata una delle ultime ad essere completata; stazionare gli Icbm così vicino alla Cina renderebbe difficile qualsiasi attacco preventivo contro di loro a causa del rischio di colpire il territorio cinese.

Il rapporto del Csis arriva dopo una serie di recenti test missilistici nordcoreani che hanno sollevato il timore che il paese possa riprendere i test Icbm. La Corea del Nord ha suggerito che potrebbe riavviare questi test, sospesi dal 2017 perché gli Stati Uniti non hanno mostrato alcun segno di abbandonare le “politiche ostili”, ha affermato Pyongyang.

Secondo un rapporto riservato delle Nazioni Unite, la Corea del Nord ha continuato a sviluppare i suoi programmi nucleari e di missili balistici nell’ultimo anno e i cyberattacchi erano un’importante fonte di reddito per Pyongyang per smorzare gli effetti delle sanzioni internazionali.

Il Csis ha detto che non c’erano segni di un’unità Icbm nella base a gennaio e che nessuna posizione antiaerea protettiva poteva essere vista entro 10 km, mentre la più vicina base missilistica superficie-aria “prontamente identificabile” era a 50 km di distanza. Tuttavia, le immagini hanno mostrato che Hoejung-ni è attiva e ben tenuta per gli standard nordcoreani e che lo sviluppo minore delle sue infrastrutture stava continuando.

Le immagini hanno mostrato due strutture per il controllo dei missili “drive-through”, utilizzate per l’armamento dei missili, il rifornimento di carburante, il controllo dei sistemi e le operazioni di manutenzione, ha detto il Csis. Ogni struttura consisteva in un grande rifugio rinforzato in cemento tagliato nel lato della montagna adiacente che misurava circa 35 metri di lunghezza, sufficientemente grande per ospitare tutti i lanciatori di missili mobili nordcoreani conosciuti.

Antonio Albanese