COREA DEL NORD. Riecco i treni lanciamissili di Kim

92

L’ultimo lancio della Corea del Nord, il terzo in pochi giorni, ha visto una coppia di missili sparati da un treno. Le immagini pubblicate dalla Korean Central News Agency, Kcna, mostrano un paio di missili verde scuro che emergevano da una piattaforma di lancio su rotaia in una zona montagnosa.

Il leader nordcoreano Kim Jong Un, che era presente al test all’inizio di questa settimana, apparentemente non ha partecipato al lancio dal treno, secondo Kcna. L’esercitazione aveva lo scopo di testare il tempo di risposta e la posizione di allerta del reggimento missilistico su rotaia del paese, che ha ricevuto solo un breve preavviso prima del lancio.

Il lancio ha coinvolto due “missili tattici guidati”, che hanno colpito i loro obiettivi nel mare al largo della costa orientale della Corea, secondo Kcna.

La Corea del Sud ha detto che i missili hanno percorso circa 430 chilometri; è stato il secondo test missilistico nordcoreano su rotaia da settembre 2021. Il sistema di lancio basato sul treno dà alla Corea del Nord un’altra opzione per lanciare e proteggere il suo arsenale missilistico.

La Corea del Nord ha testato quattro missili, durante tre lanci separati, negli ultimi 10 giorni. Questo ritmo ricorda il 2017, quando le relazioni tra Stati Uniti e Corea del Nord erano a un punto basso. I due test precedenti hanno coinvolto quelli che la Corea del Nord sostiene essere missili ipersonici. Anche se la Corea del Nord potrebbe sovrastimare le sue capacità in questo settore, tali armi sono probabilmente più difficili da rilevare e intercettare per le difese missilistiche degli Stati Uniti.

Ore prima del suo ultimo lancio, il ministero degli Esteri della Corea del Nord si è scagliato contro Washington, accusando gli Stati Uniti di «intensificare intenzionalmente la situazione» con sanzioni unilaterali: «Se gli Stati Uniti adottano una posizione così conflittuale, la Repubblica Democratica Popolare di Corea sarà costretta a reagire in modo più forte e sicuro», ha detto un portavoce del ministero degli Esteri nordcoreano.

La Corea del Nord ha diverse possibili motivazioni per testare i missili, tra cui irrobustire il sostegno politico interno, assicurare le prestazioni delle nuove armi, dimostrare la deterrenza e provocare gli Stati Uniti e i suoi alleati.

Tuttavia, da quando ha ripreso i test missilistici dopo la rottura dei colloqui nel 2019, la Corea del Nord si è astenuta da qualsiasi test nucleare o missilistico a lungo raggio che rischierebbe una risposta più ferma degli Stati Uniti. La Corea del Nord, quindi, potrebbe non essere disposta a condurre test più provocatori in vista delle Olimpiadi invernali, che saranno ospitate il mese prossimo dalla Cina, alleata della Corea del Nord.

Maddalena Ingrao