COREA DEL NORD. Riaprono le scuole. Covid-19 addio?

82

La Corea del Nord ha annunciato il primo giugno la riapertura graduale delle scuole a partire da questo mese. A giugno, la nazione comincerà a riaprire le scuole materne, elementari, medie e superiori, un passo che era stato ritardato dall’inizio di aprile, secondo Dprk Radio.

Le autorità scolastiche forniranno termometri ai cancelli delle scuole e verranno forniti disinfettanti per le mani all’interno delle scuole.

La Corea del Nord, uno degli stati più isolati della terra, rilascia dati minimi su di sé, rendendo tutto, dal suo prodotto interno lordo annuale, alla posizione dei suoi leader, una fonte di speculazione internazionale. Anche se la Corea del Nord non ha finora segnalato una sola infezione o morte per Covid-19, le indicazioni trapelate sono che ha preso molto seriamente la malattia come ha fatto in precedenti casi come la Sars, riporta Asia Times.

È stato uno dei primi paesi a chiudere le frontiere con la diffusione della pandemia e, nelle prime fasi, ha messo in quarantena i residenti stranieri in un complesso a Pyongyang; in questi mesi, la televisione di stato ha trasmesso ripetuti messaggi su come prevenire le epidemie.

Anche se è impossibile indovinare quante infezioni o morti abbia registrato la Corea del Nord, ci sono stati segnali di epidemie. Daily NK, in più di una occasione, ha riportato questioni legate al Covid-19.

Il Paese ha un sistema sanitario sottofinanziato e una popolazione significativamente afflitta dalla malnutrizione, un fattore che indebolisce il sistema immunitario, ma sembra sistemicamente ben equipaggiata ad affrontare le pandemie.

Essendo uno stato di polizia, la quarantena è un’attività in cui gli stati di polizia tendono ad essere molto efficaci: possono chiudere completamente qualsiasi area, e la popolazione non può fare nulla e non lo metterà in discussione. Questo potrebbe non consentire un’assistenza medica di alta qualità, ma garantisce al paese un pool sorprendentemente ampio di professionisti del settore medico.

Secondo i dati raccolti dalla Banca Mondiale, la Corea del Nord ha 3,7 medici ogni 100000 persone, più che marginalmente più ricco il Nepal, con 0,7, e ancora più che la Corea del Sud, molto più ricca, con 2,3, e il Giappone, con 2,4.

Maddalena Ingroia