COREA DEL NORD. Riaperto il Ponte con la Cina, il commercio non riparte

222

Il treno, che collega la città cinese di confine di Dandong a Sinuiju, in Corea del Nord, aveva essenzialmente smesso di funzionare dall’autunno del 2020, dopo che le autorità di Pyongyang hanno iniziato a chiudere il confine con la Cina all’inizio dell’anno per prevenire la diffusione del coronavirus. Questo gennaio, il commercio su rotaia è ripartito, dando la speranza che il commercio robusto sarebbe ricominciato, ma così non è stato, secondo i commercianti locali.

La Cina rappresenta più del 90% del commercio nordcoreano, e la maggior parte passa attraverso Dandong. La riapertura del confine doveva essere una buona notizia per la città, ma il volume del commercio ha ancora molta strada da fare prima di recuperare i livelli precedenti alla chiusura.

Il treno che una volta correva frequentemente ora funziona in modo irregolare. Le autorità nordcoreane hanno ancora timore del contagio.

«Il treno trasporta solo fertilizzanti, cereali e altre merci designate dai funzionari nordcoreani. Non ci sono quasi slot disponibili che permettano alle aziende commerciali ordinarie di partecipare», riporta Nikkei.

Il commercio tra la Corea del Nord e la Cina ha totalizzato 318 milioni di dollari l’anno scorso, secondo l’Amministrazione generale delle dogane della Cina. Il valore è in calo del 41% rispetto al 2020 e dell’89% rispetto al 2019, prima della diffusione della pandemia. Il commercio dell’anno scorso è stato il più debole da quando i dati comparabili hanno iniziato a essere tenuti nel 1997.

Le esportazioni nordcoreane in Cina l’anno scorso sono scese del 73% rispetto al 2019. Le esportazioni di parrucche sono scese del 99%, mentre gli orologi, compresi gli orologi e le parti, sono scivolati del 93%.

Sia le parrucche che gli orologi sono realizzati in fabbriche nordcoreane con materiale cinese spedito attraverso il confine, e i prodotti finiti sono consegnati di nuovo in Cina. Entrambi i prodotti sono esenti dalle sanzioni delle Nazioni Unite, quindi erano una fonte chiave di valuta estera per la Corea del Nord.

Nonostante queste considerazioni, il commercio di parrucche e orologi è fermo. La stessa situazione può essere vista con i dipinti, altra esportazione chiave dalla Corea del Nord. Secondo le statistiche ufficiali, ci sono state zero esportazioni di opere d’arte. I commercianti cinesi erano soliti importare e vendere dipinti di paesaggi e animali prodotti da studi in Corea del Nord, in particolare il Mansudae Art Studio di Pyongyang.

Anche se il confine appena aperto non ha spinto il commercio come previsto, la Corea del Nord sta ancora eludendo le sanzioni per ottenere valuta estera.

I frutti di mare nordcoreani sono ambiti e colpiti da sanzioni ma a Dandong, una porzione di 500 grammi di vongole nordcoreana può essere venduta tra i 35 e i 50 yuan (5,50-7,85 dollari), circa il doppio del prezzo delle vongole cinesi.

Molti lavoratori nordcoreani, poi il cui impiego è soggetto alle sanzioni delle Nazioni Unite, si sono trovati bloccati sul lato cinese. Circa 60.000-70.000 nordcoreani vivono a Dandong, lavorando in fabbriche di abbigliamento e di lavorazione dei frutti di mare; sono pagati poco più di 2.000 yuan al mese, circa la metà di quanto guadagnano i lavoratori cinesi. Le autorità nordcoreane raccolgono gran parte di quella paga come commissione.

In tutto questo, l’economia della Corea del Nord è in caduta libera. Il prodotto interno lordo reale del paese si è ridotto del 4,5% nel 2020, secondo un rapporto dello scorso luglio della Bank of Korea, la banca centrale della Corea del Sud. Questa contrazione è la seconda peggiore dopo quella del 6,5% subita nel 1997.

Antonio Albanese