COREA DEL NORD. Pyongyang emette obbligazioni per affrontare Covid-19 che non c’è

252

Per la prima volta in 17 anni, le autorità nordcoreane potrebbero pianificare l’emissione di obbligazioni pubbliche per alleviare la carenza di valuta estera nel paese. Funzionari governativi di alto livello si sono riuniti di recente per discutere l’emissione di obbligazioni, secondo il Daily NK. La decisione per l’emissione di obbligazioni pubbliche deriva dalla mancanza di denaro del paese per finanziare importanti progetti nazionali, come la costruzione del Pyongyang General Hospital.

L’ultima volta che la Corea del Nord ha emesso obbligazioni è stato nel 2003, in seguito all’attuazione delle misure del 1° luglio. L’emissione di obbligazioni da parte del Paese ha avuto all’epoca un certo successo nell’assicurare i fondi per il regime ed era in gran parte rivolta ai privati. 

La prevista emissione di obbligazioni questa volta è in gran parte finalizzata a raccogliere la maggior quantità possibile di valuta estera circolante nel Paese. «Le obbligazioni saranno emesse per le organizzazioni che hanno bisogno di fondi e che utilizzeranno le obbligazioni per pagare le cose di cui hanno bisogno», prosegue il Daily NK

Il 60% delle obbligazioni pubbliche emesse sarà dato alle organizzazioni che hanno bisogno di fondi, mentre il restante 40% sarà acquistato in valuta estera dallo stato che gestisce imprese private. In definitiva, ciò potrebbe significare che le autorità finanziarie della Corea del Nord emetteranno permessi commerciali solo se acquisteranno titoli pubblici. Chi acquista quantità massicce di obbligazioni o acquistano materiali necessari per le loro attività in dollari possono anche ricevere speciali encomi dal governo per la loro “lealtà”. Se le obbligazioni saranno emesse, si prevede che rappresentino almeno il 60% del budget complessivo del Paese. 

Tuttavia, l’incertezza che circonda la possibilità che il governo sia in grado di ripagare l’investimento iniziale sulle obbligazioni, potrebbe essere di ostacolo al progetto. Si ipotizza che le piccole imprese soffriranno maggiormente a causa del piano del governo di emettere obbligazioni: «Gli uomini d’affari sono preoccupati che l’emissione di obbligazioni pubbliche possa peggiorare la già difficile situazione finanziaria in cui si trovano i produttori, e che potrebbe persino disturbare il consumo e la distribuzione nel paese”», riporta Daily NK

Funzionari governativi di alto livello, alla luce dei piani di emissione di obbligazioni pubbliche, stanno raccogliendo il maggior numero di dollari possibile attraverso “mediatori valutari”, a causa della preoccupazione che il tasso di cambio del dollaro potrebbe aumentare se le obbligazioni pubbliche venissero rese ufficiali durante la riunione dell’Assemblea Suprema del Popolo del 10 aprile. 

La Corea del Nord ha annunciato una emissione di obbligazioni pubbliche nel 2003, ma questa volta potrebbe non essere così, poiché le obbligazioni pubbliche sono solo per le imprese e per i ricchi con grandi quantità di valuta estera, ciò potrebbe significare che il governo potrebbe astenersi dall’annunciarlo pubblicamente. 

Antonio Albanese