COREA DEL NORD. Prosegue la guerra al COVID 19

92

Per prevenire la ricomparsa del COVID-19, la Corea del Nord sta ispezionando se i fornitori di servizi alimentari seguono rigorose procedure di quarantena e sanitarie.

Secondo Daily NK, in conformità con un ordine del Comando di Stato per le emergenze antiepidemiche, i Comandi provinciali per le emergenze antiepidemiche, insieme all’Ufficio per la gestione dei servizi del Comitato del popolo, sta ispezionando se i ristoranti locali, i negozi di alimentari e altri fornitori di servizi alimentari stiano ancora seguendo le regole di controllo della malattia.

I funzionari dei comandi provinciali di emergenza anti-epidemia e dell’ufficio di gestione dei servizi del comitato popolare provinciale stanno effettuando ispezioni a sorpresa per verificare se i fornitori di servizi seguono regolarmente i protocolli di quarantena di emergenza.

Gli ispettori ritengono che sia della massima importanza che i fornitori di servizi che trattano alimenti – compresi i ristoranti e i negozi di alimentari – seguano le regole di quarantena e di sanificazione. Stanno esaminando tutto con maglie molto strette.

Gli ispettori invitano la Corea del Nord a proseguire la “guerra di quarantena” nazionale e a stare in guardia con un senso di consapevolezza “fino al giorno in cui il virus scomparirà”, mettendo in guardia dall’autocompiacimento sotto l’impressione errata che “il problema sia finito solo perché c’è stata una momentanea tregua”.

Quando gli ispettori chiudono un locale, appongono il cartello “bloccato” e lo fanno chiudere per un periodo di tempo determinato.

Gli ispettori stanno anche controllando se i lavoratori del settore della ristorazione vengono regolarmente controllati per verificare l’assenza di febbre e di altri problemi di salute e se sono in possesso di certificati sanitari rilasciati dagli ospedali.

In precedenza, il comando provinciale per l’emergenza antiepidemica aveva risposto a un aumento dei casi di malattie infettive come la tubercolosi e l’epatite discutendo se far ricevere nuovamente i certificati sanitari ai lavoratori del settore della ristorazione, ordinando loro di presentare l’ultimo certificato datato ad agosto.

Il settore della ristorazione è preoccupato di ottenere i certificati, poiché le norme ospedaliere in materia sono severe, indipendentemente dalla loro salute: «Le persone non sane erano scontente perché ci volevano circa 30 chilogrammi di riso per ottenere illegalmente un certificato sanitario se non avevano le giuste conoscenze», riporta Daily Nk.

Tommaso Dal Passo