COREA DEL NORD. Nucleare e missili: scelte inevitabili per autodifesa

157

Il ministero degli Esteri della Corea del Nord ha detto il 4 novembre che il suo sviluppo di nuove armi è una “scelta inevitabile” per prevenire una guerra e proteggere il suo popolo, accusando gli Stati Uniti di avere “doppi standard” sull’autodifesa contro Pyongyang.

La Corea del Nord, riporta Yonhap, ha condotto una serie di lanci di missili negli ultimi due mesi, compreso un test di missili balistici lanciati da sottomarini, Slbm, in ottobre: «Il nostro rafforzamento delle capacità di autodifesa è una scelta inevitabile per prevenire una guerra e proteggere la sovranità del nostro paese, la dignità e il diritto del popolo alla sopravvivenza e al miglioramento», ha detto il Ministero in una nota pubblicata sul suo sito web.

Per la Corea del Nord, gli Stati Uniti e altri paesi occidentali stanno criticando lo sviluppo militare della Corea del Nord mentre rimangono in silenzio sulle azioni simili della Corea del Sud, come il test Slbm condotto a settembre.

Secondo Reuters, inoltre, la Corea del Nord può ottenere tutto l’uranio di cui ha bisogno per le armi nucleari a Pyongsan, e le immagini satellitari dei cumuli di residui suggeriscono che il paese può produrre molto più combustibile nucleare di quello che c’è oggi, conclude un nuovo studio accademico.

Secondo una ricerca pubblicata il mese scorso sulla rivista Science & Global Security da ricercatori della Stanford University, la Corea del Nord potrebbe essere in grado di aumentare la produzione, e non ha bisogno di altre centrifughe di uranio: «È chiaro che la Repubblica Democratica Popolare di Corea sembra avere una capacità di centrifuga sostanzialmente maggiore di quella che ha usato finora (…) Questo significa che la Rpdc potrebbe produrre quantità molto maggiori di uranio naturale, se lo desiderasse».

L’impianto di Pyongsan e la sua miniera associata sono l’unica fonte di minerale di uranio, riconosciuta pubblicamente dalla Corea del Nord.

Altre immagini satellitari mostrano che la Corea del Nord sta costruendo una grande espansione al suo reattore nucleare di Yongbyon, che potrebbe essere usato per produrre uranio per uso militare.

Antonio Albanese