COREA DEL NORD. Non abbassiamo la guardia, dice il regime di Kim. Contro il Covid che non c’è

499

Il Rodong Sinmun, giornale ufficiale della Corea del Nord, ha esortato il popolo a non abbassare la guardia contro il nuovo coronavirus, dicendo che il lassismo è il “più grande nemico” negli sforzi in corso per scongiurare la malattia altamente contagiosa.

La Corea del Nord ha affermato di essere libera dal coronavirus, ma ha preso misure relativamente rapide e dure contro la pandemia globale, come l’imposizione di severi controlli alle frontiere dall’inizio dello scorso anno: «L’arroganza, l’incuria, il lassismo e la negligenza sono i più grandi nemici nei nostri sforzi di emergenza antivirus, indipendentemente dalla stagione», ha detto il Rodong Sinmun, il 12 marzo. «Dobbiamo rafforzare il controllo e intensificare gli sforzi di educazione in modo che la gente non diventi lassista e non abbassi la guardia contro il virus», prosegue il giornale.

In un secondo articolo, il giornale nordocreano afferma che «gli sforzi di disinfezione primaverili sono in corso insieme agli sforzi per scongiurare rigorosamente il coronavirus» nella contea di Pyongwon, nella provincia di South Pyongan. La Corea del Nord dovrebbe essere rifornita di circa 1,7 milioni di dosi di vaccini contro il Covid-19 entro maggio, secondo un piano di assegnazione dei vaccini svelato dalla Covax Facility, riporta poi Yonhap.

Le misure drastiche prese dalla Corea del Nord per contenere il coronavirus hanno esacerbato le violazioni dei diritti umani e le difficoltà economiche per i suoi cittadini, compresi i rapporti sulla fame, afferma un rapporto delle Nazioni Unite, riportato da UsNews. La Corea del Nord, che non ha ancora riportato alcun caso confermato di Covid-19 nonostante condivida il confine con la Cina, ha imposto la chiusura delle frontiere, vietato la maggior parte dei viaggi internazionali e fortemente limitato la circolazione interna nell’ultimo anno.

La riduzione del commercio con la Cina ha portato a una significativa diminuzione delle attività di mercato, riducendo i guadagni per molte famiglie che dipendono da attività di mercato su piccola scala. Le operazioni umanitarie si sono quasi fermate e solo tre enti umanitari internazionali rimangono in Corea del Nord, mentre i beni di soccorso sono bloccati al confine cinese da mesi a causa delle restrizioni alle importazioni.

Maddalena Ingrao