COREA DEL NORD. Malumori per il nuovo ospedale di Pyongyang

582

I nordcoreani stanno esprimendo molte preoccupazioni che il nuovo ospedale in costruzione a Pyongyang sia costruito male. 

Come riporta Daily NK, il leader nordcoreano Kim Jong Un ha ordinato la costruzione dell’ospedale generale di Pyongyang il mese scorso e la sua conclusione entro ottobre. Il Daily NK ha detto che l’intera nazione è stata mobilitata per partecipare al progetto, il che significa che la costruzione non sarà ostacolati dalla mancanza di materiali.

Hanno avvertito, tuttavia, che la durata del progetto è così breve che alcuni processi di costruzione, come l’indurimento del calcestruzzo, potrebbero non essere eseguiti correttamente; oltre che all’elevato rischio di incidenti in cantiere: «La costruzione dell’ospedale richiede un gran numero di lavoratori per garantire che sia completata in tempo e questo potrebbe portare a molti incidenti», riportano fonti del Daily NK

I progetti di costruzione nordcoreani di solito si concentrano sulla velocità piuttosto che sulla sicurezza; di conseguenza, molti lavoratori edili sono coinvolti in incidenti nel corso degli anni, che vanno dalla caduta da luoghi alti alle folgorazioni.

Nonostante i rischi per i lavoratori, la Corea del Nord non si fermerà davanti a nulla per completare l’ospedale entro il 10 ottobre, l’anniversario della fondazione del partito comunista del Paese, «anche se l’ospedale non sarà operativo per un anno a causa di lavori di costruzione interna», riporta il Daily NK

Molti nordcoreani stanno reagendo negativamente nei confronti della costruzione dell’ospedale: «Molti abitanti di Pyongyang sanno che l’ospedale non gioverà loro direttamente e non sono contenti di tutto il trambusto (…) Questo tipo di atteggiamento è prevalente a Pyongyang, quindi si può immaginare che la reazione sia molto peggiore fuori dalla città». 

I nordcoreani che vivono fuori Pyongyang sono quelli più “infelici”, riporta Daily NK, perché tutti i fondi e i materiali disponibili vanno all’ospedale; il 2 aprile, il Rodong Sinmun ha affermato che i nordcoreani coinvolti in tutto il paese stavano inviando materiali attraverso il cantiere.

Lucia Giannini