COREA DEL NORD. La Zarina di Pyongyang ha fatto punire la rivale degli Esteri

516

Choe Son Hui, il primo vice ministro degli Esteri della Corea del Nord, figura chiave della politica verso gli Usa di Pyongyang, è stata reintegrata all’inizio di questo mese dopo tre mesi di lavori forzati e di rieducazione ideologica. Choe sarebbe stata punita dal partito dopo che le tensioni tra lei e il ministro degli Esteri Ri Son Gwon si erano acuite. Anche Kim Yo Jong, primo vice direttore del Dipartimento del Fronte Unito e sorella del leader nordcoreano Kim Jong Un, avrebbe contribuito alla punizione di Choe. A differenza del fratello, che ha fiducia in Choe, Kim avrebbe cercato di tenere Choe sotto controllo incoraggiando la rivalità con Ri.

Secondo Daily NK, Choe è stata mandata in una fattoria collettiva nel distretto di Hyongjesan di Pyongyang a luglio per tre mesi di lavori disciplinari. La fattoria produce cereali e ortaggi per i quadri del Comitato Centrale, e Choe è stato assegnato a un’unità di produzione di ortaggi.

Choe è riuscita a mantenere la sua posizione dopo il fallimento del vertice di febbraio tra la Corea del Nord e gli Stati Uniti ad Hanoi, anche se Kim Hyok Chol, inviato speciale della Corea del Nord negli Stati Uniti, e Kim Yong Chol, vice presidente del Comitato Centrale, sono caduti in disgrazia.

Choe ha dimostrato di avere la fiducia del leader nordcoreano Kim Jong Un quando è diventata l’unica persona di rango di vice ministro a far parte della Commissione per gli affari di Stato ed è stata promossa da vice ministro a primo vice ministro durante una riunione dell’Assemblea suprema del popolo due mesi dopo il vertice di Hanoi. Inoltre, come figlia adottiva di Choe Yong Rim, l’ex premier e stretta confidente del defunto leader nordcoreano Kim Il Sung, Choe è stata trattata con cautela. Il fatto che a qualcuno con il suo pedigree sia stata inflitta una punizione ha causato, a quanto si dice, delle increspature all’interno del ministero degli Esteri.

Il motivo principale della punizione di Choe è stato un documento scritto inviato dal ministro degli Esteri Ri al Comitato centrale. Ri e Choe avevano scatenato una continua “guerra di nervi” dopo che Ri, un ex ufficiale dalla linea dura nei confronti della Corea del Sud, è stato nominato ministro degli Esteri all’inizio di quest’anno. Si dice che queste tensioni siano emerse dopo l’ingresso di Ri nella Commissione per gli Affari di Stato in aprile. Quando i due si sono scontrati a causa della loro incapacità di vedere la politica verso gli Stati Uniti, il Comitato centrale ha detto loro che avrebbero dovuto presentare proposte separate e lasciare che la direzione del partito prendesse la decisione finale, piuttosto che cercare di concordare un’unica proposta politica.

Di conseguenza, Ri e Choe hanno presentato le loro proposte alla direzione del partito a luglio. Alla fine, la direzione si è schierata dalla parte di Ri, e Choe è stato punita. Alcuni nel Paese sostengono che il documento di proposta di Ri non conteneva solo proposte politiche, ma anche critiche sul fatto che gli errori di Choe avevano danneggiato il prestigio della Corea del Nord.

Dalla sua dichiarazione di luglio, Choe non si è più vista alle funzioni ufficiali; fino alle uscite di questi giorni.

Graziella Giangiulio