COREA DEL NORD. Kim va a caccia di stampanti sovversive

141

La Corea del Nord sta dando un giro di vite sull’uso di stampanti non autorizzate per impedire ai cittadini di pubblicare materiale antistatale, ma, stando a RFA , la confisca delle macchine da stampa ad alto costo sta rovinando le piccole imprese. La Corea del Nord permette la circolazione solo di media controllati dallo stato e limita severamente l’accesso a internet, ma per controllare la potenziale distribuzione della stampa clandestina, le autorità obbligano tutti i proprietari di stampanti a registrare l’attrezzatura presso il governo: «Le stampanti sono particolarmente regolate dal governo e sono spesso ispezionate a caso», riporta RFA; «Durante questo giro di vite, i membri del Publishing Guidance Bureau hanno controllato le stampanti con i documenti che hanno stampato».

Le stampanti negli studi fotografici e nelle tipografie sono di proprietà e gestite dalle persone che gestiscono quelle attività, che sono permesse perché forniscono un servizio essenziale al pubblico. Ma la proprietà delle stampanti comporta frequenti ispezioni.

«Le stampanti di proprietà delle istituzioni governative sono stampanti per documenti in bianco e nero, ma negli studi fotografici possono stampare foto a colori di alta qualità. Questi tipi di stampanti possono stampare libri, certificati e altri documenti importanti, quindi vengono ispezionate spesso (…) Ma tutte le stampanti che non sono state registrate o che hanno numeri di serie diversi dai loro documenti di registrazione vengono confiscate», prosegue RFA.

Registrare una stampante è un processo lungo ed estenuante e ottenere l’approvazione per possederne una è molto difficile, tanti che «a volte, quando le stampanti si rompono, il proprietario acquista segretamente lo stesso modello e lo usa come se fosse quello che si è rotto. Questo sembra il motivo per cui sono iniziate queste ispezioni (…) Gli studi fotografici che hanno perso le loro stampanti durante questo giro di vite non hanno nessuno con cui lamentarsi. Non solo sono senza 500-600 dollari, ma la confisca significa che non possono stampare foto per la gente e il loro sostentamento è compromesso».

Le stampanti in questi giorni sono più regolamentate dei computer, riporta RFA: «Molte aziende e persone vendono liberamente i computer a chiunque abbia i soldi per comprarli, ma non possono farlo con le stampanti (…) Le stampanti sono strettamente controllate. Per comprarne una, devi chiedere il permesso al dipartimento di sicurezza sociale, al dipartimento di sicurezza dello stato e all’ufficio di orientamento editoriale. Dopo di che, bisogna registrare la stampante e ottenere una licenza di operatore se si vuole stampare qualcosa».

Anche se ci sono molte aziende che importano prodotti dalla Cina e da altri paesi, solo la Ogasan Trading Corporation, una società statale del Dipartimento di Propaganda del Partito Coreano dei Lavoratori, ha il diritto di importare e vendere stampanti al pubblico, a causa del timore che le stampanti private possano sfornare qualsiasi numero di pubblicazioni antipartito o antigovernative, libri non ammessi, volantini di propaganda e denaro falso.

Antonio Albanese