COREA DEL NORD. Kim proibisce di usare i cellulari: teme di saltare in aria come Soleimani

1249

Dopo aver ucciso il leader del Corpo delle Guardie rivoluzionarie islamiche dell’Iran, Qasem Soleimani, lo scorso gennaio, gli Stati Uniti, secondo quanto riferito, hanno monitorato ogni mossa e stato mentale del leader nordcoreano Kim Jong Un attraverso diverse fonti d’intelligence.

Secondo quanto riporta il sudcorerano Dong A Ilbo, il leader nordcoreano ha sofferto di estrema ansia e shock dopo aver saputo dell’uccisione di Soleimani e si è concentrato sulla situazione a Pyongyang. Nel frattempo, le autorità nordcoreane avrebbero vietato l’uso di tutti i cellulari in Corea del Nord per diverse settimane.

Si è ipotizzato che la leadership nordcoreana possa essere rimasta scioccata dall’uccisione di Soleimani da parte degli Stati Uniti. È la prima volta che l’agenzia di intelligence statunitense ha studiato la condizione mentale di Kim Jong Un e della leadership nordcoreana utilizzando le sue risorse di intelligence.

La Corea del Nord ha anche vietato l’uso di tutti i cellulari in Corea del Nord nel tentativo di bloccare le informazioni esterne e prevenire le minacce esterne. Secondo quanto riferito, gli Stati Uniti hanno analizzato l’intelligence sulle stazioni base di telefonia mobile in Corea del Nord per capire le circostanze. Nel frattempo Pyongyang il 19 febbraio lancia un nuovo appello all’autosufficienza, e all’indipendenza dall’esterno per affrontare le sfide lanciate al paese con le sanzioni internazionali volute dagli Stati Uniti.

La Corea del Nord deve avere “fiducia in se stessa” in tutte le aree possibili, il leader Kim Jong-un ha chiesto una “svolta frontale”al paese: «La garanzia di uno status come forza al potere e la dimostrazione di una dignità indipendente vengono da una marcia verso la riunificazione del pubblico e la creazione di una solida e seria base economica e militare», riporta il Rodong Sinmun, giornale ufficiale del partito nordcoreano. «La cooperazione basata sugli interessi dei Paesi può portare ad un cambiamento e ad una prosperità temporanea, ma non può garantire l’esistenza di un Paese±q, ha aggiunto il giornale.

Ha osservato che l’autosufficienza e l’indipendenza sono “l’unica via” per il Nord, dicendo che è una “idea stupida” rafforzare il potere nazionale che dipende dal sostegno esterno.

I colloqui sulla denuclearizzazione sono stati bloccati da quando il leader Kim Jong-un e il presidente degli Stati Uniti Donald Trump si sono incontrati a febbraio dello scorso anno. Non sono riusciti a ridurre le loro divergenze su come calcolare i passi di Pyongyang verso la rimozione delle armi nucleari e le sanzioni di Washington.

Pyongyang spera che l’allentamento delle sanzioni aiuti a rilanciare la sua anemica economia locale, che da tempo soffre per le restrizioni al commercio e alle esportazioni di materiali chiave.

Antonio Albanese