COREA DEL NORD. Kim invita il popolo a unirsi nella lotta al Coronavirus

340

Il giornale ufficiale della Corea del Nord ha chiamato il 24 febbraio la nazione a lavorare con “straordinaria determinazione” per superare le difficoltà, apparentemente riferendosi alle sanzioni globali e alla lotta nazionale contro il nuovo coronavirus.

«I lavoratori con una determinazione straordinaria mai vista prima dovrebbero puntare in alto il loro idealismo e le loro aspirazioni e spingere per realizzarle», si legge in un articolo del Rodong Sinmun, il giornale ufficiale del partito che governa la Corea del Nord.

«Con un forte senso di forza di volontà, l’offensiva a tutto campo di oggi possono raggiungere obiettivi elevati, per quanto difficili possano essere le situazioni, stimolando la produzione e la costruzione», ha aggiunto il giornale, ripreso da Yonhap.

L’appello del partito è arrivato in mezzo alla preoccupazione che gli sforzi del Nord a livello nazionale per bloccare l’infezione da Covid19 sul suo territorio possano ostacolare la sua spinta a costruire un’economia indipendente dal sostegno esterno.

Il documento non ha menzionato quali siano le sfide, ma sembrano includere la lotta in pieno svolgimento nel paese per prevenire un’epidemia del nuovo coronavirus che ha avuto origine nella vicina Cina e si è diffuso in circa 30 Paesi in tutto il mondo.

In questa direzione andrebbero lette le misure prese da Pyongyang per rafforzare i confini con la Cina e inasprire i criteri di quarantena come parte degli sforzi per prevenire un’epidemia di coronavirus.

Pyongyang sta quindi chiamando politicamente alla lotta contro il Covid 19 mobilitando le strutture di partito. Va ricordato che ufficialmente non ci sono casi di covid189 in Corea del Nord, ma che la malattia sarebbe presente nel paese come raccontano altre fonti non ufficiali

Tra le pesanti misure presa dal governo di Kim Jong Un c’è la quarantena imposta a tutti coloro che vogliano recarsi nella capitale, diplomatici compresi; la chiusura totale dei confini e il rafforzamento dei controlli anti contrabbando che avrebbero portato a delle esecuzioni di contrabbandieri.

Antonio Albanese