COREA DEL NORD. Kim aumenta le punizioni per la corruzione tra i militari

103

La Corea del Nord starebbe iniziando una serie di “purghe” interne alle forze armate per evitare dissensi e scarsa disciplina. 

Stando a quanti riporta il Daily NK Pyongyang sta iniziando un programma di repressione di potenziali “disordini” nei ranghi militari, attuando punizioni più severe. 

Secondo il Daily NK, che ricordiamolo è gestito in gran parte da disertori nordcoreani, il personale della Divisione investigativa e della Divisione di gestione della detenzione sotto il Comando di sicurezza militare è stato recentemente raddoppiato dopo una riunione dei vertici tenuta 23 maggio. Daily NK afferma che l’aumento del personale del Comando Sicurezza Militare è un modo per i militari di eliminare qualsiasi comportamento “illegale” dai suoi ranghi.

I cambiamenti sono stati fatti dopo che Kim ne ha fatto richiesta durante la riunione del Comitato centrale del partito dei Lavoratori: «Dobbiamo superare una serie di atti devianti all’interno delle attività militari e politiche delle forze armate della Corea del Nord e apportare miglioramenti decisivi», aveva detto Kim.

In un’altra mossa che ha rafforzato sia la Divisione investigativa che la Divisione di gestione della detenzione e il Comando di sicurezza militare, tutti i membri delle agenzie che avevano precedentemente detenuto un titolo hanno ottenuto promozioni. Ad esempio, coloro che in precedenza erano stati colonnello anziano o generale maggiore avrebbero ora il rango di generale maggiore o tenente generale. Questa politica riguarda anche coloro che si trovano nei ranghi inferiori, il che è insolito.

Gli esperti hanno sostenuto che le promozioni daranno ai membri delle agenzie una maggiore autorità e quindi un ruolo più importante per quanto riguarda le “indagini e l’applicazione” nei confronti dei militari. Casi di corruzione sono stati segnalati durante il periodo della chiusura totale dovuta ala pandemia, che ufficialmente non c’è nel paese. 

«Questa misura suggerisce che coloro che si trovano ai vertici intendono gestire meglio la corruzione tra i soldati (…) D’ora in poi, ci saranno punizioni più severe per il disordine nei ranghi, così come per altri incidenti o incidenti all’interno dell’esercito», ha aggiunto Daily NK.

Tommaso dal Passo