COREA DEL NORD. Import petrolifero 8 volte superiore del limite, afferma l’ONU

137

Le importazioni di prodotti petroliferi raffinati dalla Corea del Nord hanno superato il limite annuale imposto dalle Nazioni Unite fino a otto volte nei primi dieci mesi dello scorso anno, secondo i dati delle Nazioni Unite. Il rapporto di 267 pagine per il comitato di sanzioni della Corea del Nord del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha anche detto che il paese comunista ha continuato a migliorare i suoi programmi nucleari e balistici illeciti in violazione delle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza.

Il rapporto annuale ha riguardato il periodo dal 3 agosto 2019 al 7 febbraio 2020 e ha riassunto le conclusioni degli Stati membri dell’ONU e degli esperti stessi. Si tratta di negoziati nucleari tra gli Stati Uniti e la Corea del Nord che si sono arenati per più di un anno a causa della mancata corrispondenza tra i passi di denuclearizzazione del Nord e le sanzioni statunitensi. Il panel ha detto che un rapporto degli Stati Uniti ricevuto l’8 novembre ha mostrato che le consegne di prodotti petroliferi raffinati alla Corea del Nord hanno superato di gran lunga la quota annuale di 500mila barili imposta dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

A pieno carico, le spedizioni tra il 1° gennaio e il 31 ottobre 2019 sarebbero state quasi otto volte superiori al limite, aggiungendo che il Nord impiegava sia trasferimenti illeciti da nave a nave che consegne da navi battenti bandiera straniera. Se le navi fossero state un terzo a carico, le consegne sarebbero state quasi tre volte superiori al limite. Se fossero state a metà carico, le spedizioni sarebbero ammontate a più di quattro volte il limite, riportava il rapporto.

«L’approvvigionamento di prodotti petroliferi raffinati da parte di navi battenti bandiera straniera che navigano direttamente verso la Repubblica Democratica Popolare di Corea, per consegnare il carico è aumentato considerevolmente in termini di frequenza delle consegne e di numero di navi coinvolte (…) Il Marine Import Terminal di Nampo è il porto principale al quale le navi di bandiera straniera consegnano il petrolio raffinato (…) In alcuni mesi tra giugno e ottobre 2019, le consegne stimate da petroliere di bandiera straniera hanno superato le consegne effettuate dalle petroliere della Repubblica Democratica Popolare di Corea», si legge nel report, suggerendo l’assistenza di altri paesi nelle evasioni delle sanzioni della Corea del Nord.

Per quanto riguarda l’esportazione di manodopera dalla Corea del Nord, gli esperti hanno detto di aver continuato a monitorare l’attuazione da parte degli Stati membri dell’Onu dell’obbligo di espellere tutti i lavoratori nordcoreani entro il 22 dicembre 2019. Oltre ai lavoratori manuali, la commissione ha detto che la Corea del Nord ha inviato all’estero atleti professionisti e medici per guadagnare un reddito che è stato utilizzato per sostenere i suoi programmi nucleari e balistici.

Per quanto riguarda i programmi nucleari della Corea del Nord, gli esperti hanno dichiarato di non aver visto alcuna indicazione sul funzionamento del reattore da 5 megawatt del complesso nucleare di Yongbyon dalla fine del 2018; ma che era in corso la costruzione di un reattore ad acqua leggera, mentre è stata osservata la costruzione di un edificio vicino al reattore nelle immagini satellitari.

Tommaso dal Passo