COREA DEL NORD. Il conflitto ucraino toglie la scena a Kim Jong Un

227

Dall’invasione russa dell’Ucraina, Pyongyang si sta concentrando sui modi per rendere la Corea del Nord una maggiore priorità nella politica estera statunitense.

Secondo il Daily NK, in Corea del Nord, le autorità nordcoreane credono che la guerra russo-ucraina stia generando un ambiente sfavorevole per la politica estera di Pyongyang. Ciò significa che la guerra in Ucraina è un problema perché la Corea del Nord si ritrova in secondo piano rispetto alla comunità internazionale, compresi gli Stati Uniti.

Gli intensi lanci di missili della Corea del Nord quest’anno hanno in gran parte lo scopo di influenzare la politica estera degli Stati Uniti: la Corea del Nord ha fatto nove lanci da quando il paese ha lanciato un missile balistico dalla provincia di Chagang il 5 gennaio.

Sabato scorso, la Corea del Nord ha lanciato un missile balistico nel Mare Orientale, apparentemente per testare un veicolo di lancio per un satellite di ricognizione, solo sei giorni dopo aver lanciato un missile balistico a medio raggio vicino alla base aerea Sunan di Pyongyang nel mare orientale il 27 febbraio: «L’Amministrazione Nazionale per lo Sviluppo Aerospaziale della Rpdc, Nada, e l’Accademia delle Scienze della Difesa hanno condotto un altro importante test sabato, sotto il piano di sviluppare un satellite di ricognizione (…) Attraverso il test, la Nada ha confermato l’affidabilità del sistema di trasmissione e ricezione dati del satellite, il suo sistema di comando di controllo e vari sistemi di controllo a terra», ripotava Kcna.

Apparentemente, il lancio del missile doveva servire a sviluppare un satellite di ricognizione. Ma poiché è possibile convertire immediatamente un razzo in un Icbm semplicemente cambiando il suo carico utile, il lancio equivaleva a un messaggio strategico rivolto agli Stati Uniti. La Corea del Nord sta essenzialmente usando il tempismo opportuno per provocare una risposta da parte degli Stati Uniti, neutralizzando le linee rosse e ottenendo il riconoscimento come potenza nucleare.

Nonostante questo, la comunità internazionale non ha messo ulteriori sanzioni contro Pyongyang. Il Consiglio di Sicurezza dell’Onu ha convocato due riunioni di emergenza il 4 e il 28 febbraio per discutere le provocazioni missilistiche della Corea del Nord. Tuttavia, questi incontri hanno prodotto poco a causa dell’opposizione cinese e russa.

È improbabile che il Consiglio di sicurezza dell’ONU imponga ulteriori sanzioni alla Corea del Nord, con la crisi ucraina che porta in primo piano le tensioni tra gli Stati Uniti e la Russia, insieme a quelle tra gli Stati Uniti e la Cina. In Corea del Nord, le autorità continuano a spingere la propaganda che sottolinea l’importanza di rafforzare la difesa nazionale.

All’interno dell’esercito nordcoreano, le autorità stanno educando i soldati a credere che Pyongyang può mantenere la pace solo rafforzando il suo potere difensivo attraverso le armi nucleari. Le autorità hanno chiesto di rafforzare la “difesa nazionale indipendente” della Corea del Nord molto di più da quando è iniziata la guerra in Ucraina che dimostra come “la pace poggia su armi e spade”.

Anna Lotti