COREA DEL NORD. 300 operai tornano in treno in Russia

40

Sarebbero più di 300 i lavoratori nordcoreani che sono arrivati nella regione russa di Vladivostok lo scorso 5 febbraio, viaggiando in treno. Allo stesso tempo, sono ripresi i tour di gruppo dalla Russia alla Corea del Nord e una delegazione del Partito dei Lavoratori della Corea ha visitato la Russia su invito del partito al governo russo, Russia Unita. 

Dal vertice Russia-Corea del Nord dello scorso settembre, le due nazioni hanno rapidamente rafforzato i legami in vari settori, come la cooperazione militare, gli accordi sugli armamenti e le relazioni economiche, culturali e politiche, riporta The Chosun Daily.

Impiegare lavoratori nordcoreani viola le sanzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite contro la Corea del Nord, eppure la Russia sembra ignorare apertamente tali sanzioni. Nel dicembre 2017, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato la risoluzione 2397, che impone il rimpatrio di tutti i lavoratori nordcoreani all’estero entro 24 mesi. Nonostante ciò, la Russia avrebbe concesso visti d’ingresso ai lavoratori nordcoreani con il pretesto di studio, formazione, turismo e scambi culturali.

Il trasporto dei lavoratori nordcoreani su rotaia, anziché per via aerea, è una pratica insolita. La ferrovia di confine, inaugurata da Russia e Corea del Nord nel 2013, si estende da Khasan nel Primorsky Krai russo fino alla stazione del fiume Dumangang in Corea del Nord e funge principalmente da linea merci. A gennaio, Oleg Kozhemyako, governatore del Primorsky Krai, ha affermato che stavano lavorando alla creazione di una linea ferroviaria passeggeri che collegasse la stazione Khasan in Russia al porto Rajin della Corea del Nord, entro l’anno. Ciò ha portato a ipotizzare che il viaggio in treno dei lavoratori nordcoreani potesse essere stato un “viaggio di prova”.

Le autorità sudcoreane stanno monitorando attentamente questo sviluppo. Inoltre, i tour di gruppo dalla Russia alla Corea del Nord sono ripresi dopo la sospensione dovuta alla pandemia. Il 9 febbraio, circa 100 turisti russi sono volati in Corea del Nord su un volo Air Koryo, visitando siti significativi come Piazza Kim Il-sung a Pyongyang e la stazione sciistica Masikryong a Wonsan prima di tornare in Russia il 12 febbraio. Questa visita segue il vertice tra il presidente russo Vladimir Putin e il leader nordcoreano Kim Jong-un a settembre 2023. Coincide con la formalizzazione dei piani della Russia per sviluppare collegamenti “marittimi e ferroviari” con la Corea del Nord.

In una recente intervista, l’ambasciatore russo in Corea del Nord, Alexandre Matsegora, ha dichiarato: “In precedenza gestivamo un servizio di traghetti tra il porto di Rajin. e il porto di Vladivostok.” Ha espresso la speranza che questo percorso popolare venga ripristinato presto.

Anna Lotti

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/